11.7 C
Milano
21. 04. 2021 22:55

Leonardo da Vinci: primi passi di genialità a Milano

Più letti

Per chi arriva a Milano da un’altra città, il primo impatto può non essere semplice e deve essere sempre stato così, visto che oltre 500 anni fa, quando Leonardo da Vinci arrivò in città, i suoi primi passi in terra meneghina non furono facili. Ieri come oggi, la prima cosa da fare è cercare di avere delle buone relazioni con i locali: Leonardo lo capì subito ed entrò in contatto con i fratelli De’ Predis, esperti d’arte e persone conosciute in città.

Bastò davvero poco e questi intuirono subito l’abilità, il talento ed il genio di Leonardo e lo accolsero a casa, nei pressi della chiesa di San Vincenzo in Prato (zona Ticinese). Il loro fu un vero e proprio investimento sulla genialità di Leonardo: Insieme, infatti, aprirono una bottega e non dovettero aspettare molto per ricevere il primo incarico: la Confraternita dell’Immacolata Concezione richiese una pala per l’altare della loro cappella nella chiesa di San Francesco Grande (oggi scomparsa: era nei pressi dell’attuale Università Cattolica).

L’opera, un trittico, venne realizzata dividendosi i compiti: le parti laterali spettarono a due dei fratelli De’ Predis, la parte centrale a Leonardo. Il lavoro, però, non soddisfò particolarmente i committenti che si aspettavano qualche cosa di diverso, anzi di più classico: il lavoro di Leonardo, infatti, era troppo moderno ed innovativo. La Madonna non era circondata da putti, ma era dentro una grotta. Leonardo aveva appena creato la Vergine delle Rocce.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Blitz del Collettivo Kasciavìt contro Radio 105: «Dallo Zoo discorsi sessisti»

  Blitz fuori dalla sede milanese di Radio 105 da parte del Collettivo Kasciavìt contro lo Zoo, i cui conduttori...