21.4 C
Milano
19. 05. 2024 23:22

“Porno per bambini”, lo stato dell’arte: che cosa è successo?

Più letti

I fatti: la Santeria Social Club decide di ospitare una mostra d’arte di un artista brasiliano noto come “Porno per bambini”, famoso per i tratti infantili dei suoi disegni, ma che nulla ha a che vedere con messaggi pedofili o violenti. Sui social si scatena il solito inferno e diverse parti politiche, per lo più di destra o estrema destra, gridano allo scandalo: un luogo della città dà spazio alla pedopornografia!

Parte la solita carovana di insulti che arrivano a sfociare in vere e proprie minacce, in seguito alle quali la Santeria decide di cancellare la mostra in programma. Dai fatti poi bisogna cercare di passare alla riflessione: l’arte può permettersi di sfuggire ai canoni morali comuni? L’arte può o deve essere provocatoria, deve disturbare a volte o deve essere controllata, vagliata e in alcuni casi censurata? Sono domande senza una risposta certa e assoluta e ogni caso deve essere valutato singolarmente.

Ma sarebbero state le domande necessarie prima di partire con richieste di cancellazione della mostra. Prima di cominciare a insultare gli organizzatori. Prima di imbastire il solito e nauseabondo coro litigioso delle parti in causa. L’arte è una cosa troppo seria per essere discussa nei modi social della contemporaneità e una città come Milano dovrebbe dibatterne nelle sedi più alte e opportune possibili. Non con luoghi comuni, fake news e allarmi ingiustificati. Detto questo, a volte si dovrebbe ragionare anche sull’opportunità, sui momenti e sulle modalità di alcune iniziative.

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...