21.5 C
Milano
25. 06. 2024 13:43

Esegesi della convivenza urbana: quanti incidenti a Milano

La città non ha una rete sufficiente di piste ciclabili e di altri piccoli e grandi accorgimenti per tutelare tutte le persone che utilizzano le strade in modo diverso.

Più letti

Sono troppi gli incidenti a Milano che hanno coinvolto pedoni e ciclisti? La risposta è sì. Milano è una città preparata per una convivenza tra diversi mezzi di locomozione? La risposta è no. Bisogna partire da questi dati: la città non ha una rete sufficiente di piste ciclabili e di altri piccoli e grandi accorgimenti per tutelare tutte le persone che utilizzano le strade in modo diverso.

Incidenti a Milano, cosa manca alla città

Bisogna partire dai fatti e dalle mancanze, recuperare terreno rispetto ad altre città italiane ed europee molto più attrezzate. Innescare invece un contrasto ideologico tra ciclisti e automobilisti, tra motociclisti e camionisti, tra camionisti e utenti in monopattino, non porta da nessuna parte. Anche con la migliore rete possibile di ciclabili, ci saranno sempre punti della rete stradale in cui ciclisti, automobilisti, camionisti e altri dovranno convivere. E convivere significa rispettarsi in modo reciproco e sapere come muoversi e che tipo di prudenza utilizzare: e questo vale per tutti, non solo per chi guida auto o mezzi pesanti, ma anche per pedoni e due ruote.

incidenti a milano in bicicletta

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Per esempio, chiunque giri per Milano di sera si accorgerà che una gran parte delle biciclette gira senza luci posteriori e anteriori, che molti furgoni sostano in modo scorretto costringendo i ciclisti a manovre pericolose per evitarli, e potremmo continuare in un elenco che vedrà tutti gli attori in campo lamentarsi, giustamente, per qualcosa. Ricordiamoci però, sempre, che pedoni e ciclisti sono i più a rischio anche nella migliore condizione immaginabile.

Benissimo, invece, la norma che obbliga i mezzi pesanti ai sensori sugli angoli morti dei loro veicoli: una tecnologia che costa poco ma che avrebbe potuto evitare alcune delle ultime tragedie.

In breve

FantaMunicipio #36: l’eterno movimento dei progetti che riscrivono la città

Questa settimana facciamo il punto su tanti progetti che, in piccolo o in grande, si propongono di dare un...