18.5 C
Milano
12. 05. 2021 22:27

Sbagliata anche la zona rossa di novembre?

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori alimenta il sospetto anche sui dati precedenti. Se così fosse i danni subiti sarebbero di una portata enorme

Più letti

C’è un sospetto che, se fosse davvero fondato, diventerebbe gravissimo nei confronti di chi ci governa. Ad alimentarlo ci ha pensato il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori: «E’ molto probabile che l’errore relativo all’indice Rt della Lombardia non riguardi solo il periodo dal 15 al 30 dicembre ma abbia registrato una sopravvalutazione dal 12 ottobre, da quando guariti e deceduti non sono stati scorporati dai pazienti positivi».

Se così fosse, chi risarcirebbe ulteriormente il mondo del commercio, della ristorazione e dei servizi fortemente penalizzato a novembre dalla zona rossa per tre settimane e a gennaio per una settimana. Nulla dimostra oggi che la Lombardia, lo scorso autunno, non avesse numeri da dichiararne la fascia più dura, ma è altrettanto evidente la necessità di chiarire.

«Una richiesta che da parte nostra ci sentiamo di fare è che ci sia dato il modo di capire cosa è successo dal 12 ottobre e se l’errata classificazione della Lombardia riguardi solo la decisione presa dal 15 gennaio – ha aggiunto Gori – , o se invece anche prima di Natale sia accaduto che l’Rt sia stato calcolato più elevato, quindi se siamo stati solo una settimana in zona rossa per sbaglio o siamo stati penalizzati altre volte».

Una chiarezza dovuta anche al mondo della scuola che solo da oggi ha potuto rialzare la testa, abbandonando, seppur gradualmente e parzialmente, la didattica a distanza.

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...