24.9 C
Milano
17. 06. 2021 23:19

Smart working, è veramente così “smart”?

Dopo tutti questi mesi di pandemia è inevitabile tirare le somme sul tanto chiacchierato smart working

Più letti

Dopo ormai 1 anno e 3 mesi un bilancio e un ragionamento su quello che viene definito “smartworking” non solo sono necessari ma anche doverosi.

In emergenza, il lavoro da casa (non smartworking, e questa è una prima, imprescindibile, precisazione) è stata una soluzione inevitabile e con aspetti assolutamente positivi, sia per contrastare la pandemia che per mantenere vivi economia, lavoro e redditi.

Andando avanti con il tempo però, a questa emergenza non è stata data la natura di cambiamento, con le correzioni e le misure conseguenti. È rimasto il telelavoro, in cui paradossalmente si lavora di più, con il disagio di stare sempre chiusi in casa e senza la libertà che invece presuppone il concetto di smartworking (che ricordiamolo, resta pur sempre l’ambito privilegio di chi fa un lavoro non “operativo” e non su turni).

Ma non solo, lavorare da casa è diventato persino penalizzante. Per esempio, se uno dei due genitori lavora da casa, non si ha diritto al bonus babysitter (chiaro, no? Sei a casa, il tuo capo ti chiede le stesse cose, se non di più, con gli stessi orari se non spesso e volentieri di più, ma che ci frega?).

Non solo, qui a Milano, si hanno parecchi punti in meno, per chi lavora da casa, nelle graduatorie dei centri estivi e per alcuni servizi educativi. L’ennesima prova di totale lontananza dalla realtà di un assessorato, quello alla pubblica istruzione, che per distacco è il peggiore, l’unico sotto la sufficienza (e qui ci fermiamo) dell’amministrazione milanese.

Come se fosse facile lavorare mentre nello stesso tempo si deve gestire uno o più figli, con situazioni al limite del tragicomico: rispondere a una mail urgente mentre si cambia un pannolino, mandare un progetto anch’esso urgente (sta diventando tutto così urgente) e controllare gli ultimi dettagli mentre la bimba o il bimbo piange.

Forse con il lavoro da casa (aboliamo il termine smartworking, per favore) ci vogliono far finalmente capire il significato della parola resilienza (altro termine da mandare al macero).

In breve

SwappaMi, a Milano il negozio in cui si paga con il baratto

A Milano nasce SwappaMi ed è un pò come fare un salto in un mondo antico: niente più soldi...