10.6 C
Milano
21. 04. 2021 06:16

Un altro giorno “X” per le Olimpiadi Milano-Cortina

Più letti

Sull’asse Milano-Buenos Aires domani i riflettori saranno puntati sull’Assemblea del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) che, nella capitale argentina, ufficializzerà le città candidate all’organizzazione delle Olimpiadi invernali del 2026: il Cio designerà poi la prescelta nel 2019, quindi sette anni prima dell’evento come da prassi, e di fatto la candidatura Milano-Cortina sfiderà Calgary (Canada), Stoccolma (Svezia) ed Erzurum (Turchia). Quanto sono da temere queste concorrenti? Sul tema sembra esserci ottimismo in ambienti vicini al Coni. Già, perché in Canada è previsto che il 13 novembre si svolga un referendum popolare di approvazione o meno della candidatura di Calgary. inoltre, un mese prima il Comitato olimpico canadese deve pubblicare i costi previsti per l’organizzazione delle Olimpiadi, sulla scia delle denunce per l’occultamento di spese legate alla costruzione del villaggio olimpico. Per quanto riguarda Stoccolma, attualmente la Svezia è senza governo e sarà forse necessario un ritorno alle urne: sintomo che non tutto gira nel verso giusto. Su Erzurum sembra addirittura che il comitato turco sia stato avvicinato per cercare di far slittare questa candidatura al 2030, vista la delicata situazione politica e la necessità di costruire per intero il villaggio olimpico. Un fatto è certo: se Milano con Cortina sarà accettata, come sembra davvero scontato, allora la sessione del Cio, prevista proprio nel capoluogo lombardo nel 2019, cambierà sede.

In breve

Scoperta una piantagione di marijuana nel campo di Vaiano Valle

La Polizia di Stato e la Polizia locale, coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano, nell’ambito di attività finalizzate...