meazza
meazza

Ci vorrà ancora parecchio tempo per vedere un nuovo stadio a Milano, che si tratti di un rinnovato Meazza o di un impianto costruito da zero. È positivo che Inter e Milan, ormai da diversi mesi, abbiano trovato l’intesa per un percorso comune. Lo è meno il fatto che, prima ancora di avere in mano una prima bozza di progetto sulla ristrutturazione della Scala del calcio, l’amministrazione cittadina abbia dato parere negativo sull’aumento delle volumetrie che entrambi i club interessati avevano caldeggiato.

È stata invece data disponibilità per un eventuale “quarto anello” all’esterno che dovrà servire per fare cassa sfruttando il turismo. Dal Comune giurano che nulla sarà precluso e che si guarderà il progetto prima di prendere qualsiasi decisione, ma nella Milano simbolo dell’innovazione in anticipo sui tempi potrebbe essere stato un errore mettere un paletto ex-ante a un passaggio cardine per il futuro delle due società.

Ecco perché Inter e Milan potrebbero virare verso la soluzione di un impianto nuovo da costruire al fianco di quello vecchio, scelta che permetterebbe alle due squadre di lavorare anche durante la stagione, sfruttando il vecchio San Siro per giocare ancora qualche mese.

Comunque vada, c’è da sbrigarsi: il fatto che, oltre a Torino, anche a Udine, Roma e Bergamo siano molto più avanti nei tempi certifica il disastro della gestione rossonerazzurra in tema di impianti prima della recente svolta.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/