case popolari
case popolari

In questa fredda settimana di maggio milanese, il focus del FantaMunicipio si concentra su alcuni bandi e laboratori attivi nelle case popolari del Comune. È il caso di viale Lombardia 65, a pochi passi dal Casoretto e da via Padova, dove un avviso punta a favorire attività sociali, culturali e/o digitali a disposizione dei residenti. Una cosa simile avviene al Municipio 8, dove è stato presentato un progetto che da giugno a ottobre regalerà momenti di evasione. Attivato in zona Maciachini, al Municipio 9, un laboratorio punto di riferimento del quartiere in attesa che le case comunali che lo ospitano vengano interessate da lavori di riqualificazione e manutenzione straordinarie. E anche per il Gratosoglio ci sono (splendide) novità.

Municipio 1 – Castello, un altro tassello – Voto 7,5

Nuovo fondamentale passo verso la rigenerazione di piazza Castello: il primo lotto di intervento è pronto e dovrà essere approvato da Sovrintendenza, Commissione Paesaggio e Municipio 1. Il progetto definitivo, redatto da un gruppo di architetti italiani, è cambiato rispetto a quello preliminare: cinquanta alberi in più (184 in totale, perlopiù aceri ricci) e riduzione delle superfici in calcestre ma l’obiettivo è rimasto trasformare lo spazio in un’area di passeggio pubblico pedonale.

Municipio 2 – Viale Lunigiana merita di più – Voto 5,5

Torniamo a parlare di viale Lunigiana, nel tratto compreso tra il sottopasso ferroviario e via Melchiorre Gioia (e a ridosso di Porta Nuova). Qui buche, dislivelli, traffico, sosta selvaggia e palazzi anneriti dallo smog sono all’ordine del giorno. La fermata del tram 5, peraltro, si affaccia direttamente sulla carreggiata stradale rendendo difficoltosa salita e discesa dei passeggeri. Sempre più residenti lamentano le condizioni dell’area e chiedono al Comune un intervento urgente.

Municipio 3 – Il bando per viale Lombardia 65 – Voto 7

L’immobile di proprietà comunale di viale Lombardia 65, ex Samarcanda, verrà dato in concessione d’uso: è stato pubblicato negli scorsi giorni l’avviso, che resterà aperto fino al 10 giugno, a fronte di una proposta progettuale di utilizzo per favorire attività culturali, digitali, innovative, assistenziali, sociali e aggregative. Il progetto scelto dovrà garantire una fruizione il più ampia possibile in termini di orari e di bacino di utenza. Sì attende con curiosità il responso del bando.

Municipio 4 – Case nel versante Calvairate – Voto 6

In via Val Bogna 10, una traversa di via Tito Livio in zona Calvairate, sorgerà un nuovo condominio residenziale composto da 27 unità immobiliare al posto dell’ex sala bingo poi occupata dal collettivo Lambretta. Il progetto, Metropolis, è dignitoso e andrà a miscelarsi con i limitrofi palazzi anni ’50 e ’60. A poca distanza, in viale Umbria 98, lo scheletro abbandonato da anni potrebbe tornare a vivere: in programma c’è la ripresa dei cantieri per la realizzazione di un altro condominio.

Municipio 5 – La comunità del Gratosoglio – Voto 8,5

Tutti pronti per l’inaugurazione del complesso di via Feraboli 15, al Gratosoglio, che dopo anni di degrado prima e di cantiere poi diventerà uno dei più importanti progetti di riqualificazione degli ultimi vent’anni in zona. Si tratta del centro polifunzionale Ri.abi.la, dove turneranno più di cento operatori e cinquanta volontari per oltre quattrocento persone assistite tra disabili, famiglie e giovani in difficoltà: via all’housing sociale, comunità educativa, poliambulatorio e centro diurno.

Municipio 6 – La discarica alle Milizie – Voto 5

Ancora irrisolta la situazione di completo degrado nei pressi della ricicleria Amsa di piazzale delle Milizie (tra Tortona e i Navigli), dove persiste il problema dei rifiuti abbandonati accanto alla strada. L’area è spesso presidiata da alcune famiglie che raccolgono il materiale e lo sezionano. La cancellata, installata nel 2014, non ha portato agli effetti sperati: ora si parla quindi di smantellare la ricicleria, che potrebbe essere spostata in una via poco distante. Sperando che questo serva a qualcosa.

Municipio 7 – Il futuro dell’ex Trotter – Voto 7

L’ex trotto dell’Ippodromo, da anni abbandonato, è il cuore di un’operazione futura da quasi mezzo miliardo che trasformerà i 150.000 metri quadri dell’area in un nuovo quartiere. Al posto delle gradinate (che saranno abbattute) e delle scuderie, che saranno ristrutturate come bene vincolato, arriveranno negozi, ristoranti, un hotel e servizi accessori allo stadio. Le case saranno sul versante opposto, direzione CityLife: palazzine con mille appartamenti per tutte le fasce d’età alte come quelle nei dintorni.

Municipio 8 – Le attività diventano “pop” – Voto 7,5

Fabio Galesi, presidente del Consiglio di Municipio 8, ha portato in giunta una proposta per realizzare attività culturali e aggregative nei cortili delle case popolari. L’obiettivo è portare più socialità in contesti dove la stessa è spesso carente. A giorni sarà attivo e pubblico il bando, per una novità che tra giugno e ottobre si realizzerà attraverso un contributo di 10.000 euro. Una piccola grande iniziativa a testimonianza di un’attenzione rivolta alle fasce meno abbienti.

Municipio 9 – Maciachini, attivo il laboratorio – Voto 8

Inizia l’attività del laboratorio Villani-Giuffrè, nato per la gestione sociale del quartiere popolare di proprietà comunale a ridosso di piazzale Maciachini. Il laboratorio nasce per organizzare attività a favore dei residenti, in previsione anche dei lavori imminenti: il complesso nei prossimi mesi sarà infatti interessato da un notevole intervento di ristrutturazione e manutenzione straordinaria su facciate, pavimentazioni, controsoffitti, serramenti, impianti e un nuovo locale per la raccolta differenziata.

www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/