13.9 C
Milano
23. 05. 2024 06:17

Quando l’esperimento diventa certezza: i voti del Fantamunicipio #13

Tredicesimo appuntamento con il FantaMunicipio tra progetti finanziati dall'UE e mercatini che restano bloccati dalle ordinanze del Comune

Più letti

L’urbanistica tattica ha rivoluzionato Milano e, in due soli anni, si è imposta come un’iniziativa di successo. Una volta accertata la miglior qualità e vivibilità dello spazio pubblico, è tempo di intervenire in maniera permanente: toccherà prima di tutto a piazzale Lavater e piazza Dergano, ai Municipi 3 e 9, quindi a piazza Angilberto II e piazza Belloveso a Corvetto e Niguarda.

Gli aggiustamenti, che dureranno più di un anno, includeranno azioni correttive (rispetto ai progetti originari) e integrative. Allargamento dei marciapiedi, cambi dei sensi di marcia, pavimentazioni di pregio e nuovi alberi: da “due chiazze di colore e un tavolo di ping pong”, si arriva a tutto questo.

Municipio 1

Si procede con Santo Stefano – Voto 8,5

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Negli scorsi giorni si è tenuto un incontro tra gli assessori Granelli e Lipparini, il presidente del Municipio Arrigoni e i tecnici del Comune per il progetto di riqualificazione che riguarda da vicino piazza Santo Stefano. L’intervento, rivisto rispetto alla proposta iniziale del Bilancio Partecipativo, conferma però l’allargamento dei marciapiedi e la riduzione dei parcheggi. Entro alcune settimane si attende il completamento del progetto, che verrà poi inviato per parere al Municipio.

Municipio 2

Lavori all’incrocio ferroviario – Voto 8

Pronti all’avvio i lavori in via Pontano, tassello del più ampio progetto di riattivazione del lungo ferrovia che va da via Padova a viale Monza. Siamo all’incrocio Pontano/Morandi/Pimentel/Russo, con l’obiettivo di connettere attraverso un itinerario ciclabile piazza del Governo Provvisorio al parco Trotter e a via Rovereto (anche lei in attesa di riqualificazione). Verranno anche allargati i marciapiedi lungo la ferrovia nel tratto da via Morandi a viale Monza, rendendo più agevole la fruizione pedonale.

Municipio 3

Cinquecento giorni: la nuova Lavater – Voto 8

Torniamo dopo un paio di settimane a parlare di piazzale Lavater, zona Porta Venezia. La sede di uno dei primi interventi di urbanistica tattica, diventata un’area pedonale molto vissuta dai ragazzini della scuola di via Stoppani, è pronta con il progetto definitivo: 1.500 metri quadri di aree pedonali in più, sei nuovi alberi, pavimentazione di pregio e nuove sedute. La parte sud della piazza resterà in asfalto in attesa del futuro collegamento ciclabile con piazzale Piola. Durata dei lavori di un anno e mezzo.

Municipio 4

Il mercatino resta chiuso – Voto 7,5

Nessun passo indietro sui mercati di viale Puglie: l’area rimarrà chiusa fino al 31 gennaio, in base a due ordinanze urgenti firmate dal sindaco Sala. Le prime ordinanze di chiusura risalivano al 17 ottobre, con lo stesso obiettivo di prevenire pericoli per l’igiene e i fenomeni di incuria e degrado del territorio. Milano ha bisogno di interventi qualificanti, in particolare in prossimità di una zona (quella di Calvairate e viale Molise) dove il contesto di case popolari non è dei più semplici.

Municipio 5

Open Agri a primavera 2021 – Voto 8

Avanza la riqualificazione del complesso cascinale di Nosedo, in via San Dionigi 80, di proprietà comunale dal 2005 e dichiarato di interesse storico artistico e culturale. Siamo a ridosso del parco della Vettabbia e di Porto di Mare. I lavori previsti riguardano principalmente la demolizione di una vecchia struttura in calcestruzzo e la sistemazione dell’aia interna. Il progetto Open Agri, finanziato in buona parte dall’Unione Europea, insedierà qui spazi per l’agricoltura periurbana. Fine lavori: primavera 2021.

Municipio 6

Fernando Santi, lavori sugli stabili – Voto 7

Finiranno entro la primavera del 2021 gli interventi sugli edifici ERP (realizzati negli anni ’80) di via Fernando Santi 6/8, oltre San Cristoforo in direzione Corsico. I lavori previsti, resi necessari dallo stato di degrado degli stabili, riguardano la ristrutturazione interna dei 39 appartamenti, il restauro e la tinteggiatura delle facciate, la pavimentazione delle aree esterne e la sistemazione e messa in sicurezza dei box. Importo dei lavori: oltre 1.500.000 euro.

Municipio 7

Sistemare la ciclabile dissestata – Voto 7,5

Proseguono i lavori di riqualificazione del tratto di pista ciclabile di via Monte Rosa realizzato lustri fa. Finalmente sarà tutta percorribile e lineare, senza slalom e con attraversamenti in sicurezza: moltissimi, fino a oggi, preferivano infatti andare in strada perché considerata più sicura. Il tratto è parte di un disegno più ampio di una rete ciclabile che collegherà lo stadio di San Siro con il centro città. Manca all’appello il tratto da Buonarroti a Conciliazione, in via di progettazione.

Municipio 8

Da Lotto a Maciachini in bici – Voto 9

Si predisporrà una ciclabile (anche) sul ponte della Ghisolfa, parte di un itinerario più ampio che collegherà Lotto con Maciachini. Il progetto, proposto nell’ambito del Bilancio Partecipativo del 2018, è stato accolto e ha richiesto un grande impegno da parte dei tecnici comunali: alcuni tratti saranno in struttura, altri con semplici bike lane, altri ancora usufruiranno della (larga) corsia preferenziale dei bus. Siamo ancora nella fase dei dettagli, ma nei prossimi mesi avremo senz’altro notizie.

Municipio 9

L’esperimento diventa realtà – Voto 8

La prima piazza aperta di Milano, piazza Dergano, è pronta per la riqualificazione definitiva dopo l’intervento tattico temporaneo. Una prima fase riguarderà via Ciaia, via Guerzoni, via Bruni e via Cafiero: alberi in fioriera, panchine, rastrelliere per biciclette, dissuasori e nuovi sensi di marcia. La seconda fase, che durerà circa duecento giorni, riguarderà la piazza e le vie Tartini, Brivio, Conte Verde e dei Carafa. Nella prima parte del 2021 toccherà a piazza Belloveso, zona Niguarda.

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...