Se è vero che la pazienza è la virtù dei forti, si può ben dire che Milano e i suoi cittadini non ne siano sprovvisti. Ad esempio sul caso San Siro. Tanti sono i progetti, lanciati nel corso del tempo e poi dimenticati, che sembrano però finalmente a un punto (positivo) di non ritorno. È il caso del palazzo di via Mascagni in zona San Babila, che dopo tante promesse e progetti naufragati, dovrebbe diventare un hotel di lusso. Spostandoci al Municipio 4 è il caso di Porta Vittoria, dove sembra davvero la volta buona. Al Municipio 5 le case abbandonate del fu Ligresti diventeranno residenze in social housing con una stecca commerciale prevista per i futuri abitanti, mentre sul Naviglio Grande si realizzeranno a partire da fine 2019 gli ascensori in prossimità dei ponti che avrebbero dovuto essere pronti per… l’Expo.
Municipio 1 – Dall’abbandono al lusso – Voto 7,5
Dopo oltre un decennio di abbandono il palazzo costruito nel 1935 come sede dell’Opera Balilla, poi divenuto cinema specializzato nei film Disney, avrà un nuovo futuro. Siamo in via Mascagni 6, nei pressi di corso Monforte in zona San Babila. A rilevare l’edificio, una palazzina di tre piani con giardino, è il fondo londinese Trophaeum: l’intento è quello di trasformarlo in un hotel di pregio con uno spettacolare giardino pensile sul tetto. Al via i lavori entro l’estate 2019, durata cantiere un anno e mezzo.
Municipio 2 – A Ponte Nuovo sport solidale – Voto 6,5
Fermata solidarietà e sport: in zona Ponte Nuovo l’associazione Minerva opera da anni nel centro sportivo di via Treviglio 6 con ambiziosi progetti come Tukiki, con cui si cerca di sviluppare il calcio integrato per ragazzi/e con disabilità cognitive. Partita con 30 tesserati, oggi l’associazione ne vanta ben 130, è una realtà ben integrata nel quartiere e punta a riqualificare in futuro il suddetto centro, che versa in condizioni di semi-abbandono: previsto un investimento di 700.000 su 15 anni.
Municipio 3 – Pulire, pulire e ancora pulire – Voto 7
Il Giardino dei Ciliegi di via Don Calabria, zona Cimiano, è stato interessato in settimana da un prezioso lavoro di cleaning su panchine, tavoli e arredi grazie ai ragazzi del vicino istituto Maxwell e di Cesvi Onlus, organizzazione umanitaria fondata a Bergamo nel 1985. I giovani, peraltro, hanno elaborato e presentato una richiesta al Municipio per migliorare in maniera definitiva lo spazio verde. In attesa dei tempi tecnici necessari, si può ben dire che nessuno sta con le mani in mano.
Municipio 4 – Porta Vittoria entra nel vivo – Voto 8
Negli scorsi giorni si è tenuta un’assemblea pubblica molto partecipata sulla ripresa dei lavori a Porta Vittoria. L’assessore all’Urbanistica, Pierfrancesco Maran, ha presentato alla cittadinanza i nuovi proprietari dell’area e condiviso le due fasi di lavoro. La prima – primo semestre 2019 – prevede il completamento delle attività di bonifica e l’avvio della realizzazione di parti del parco, la seconda (secondo semestre) definirà le funzioni pubbliche come l’impianto sportivo. Nuovo appuntamento a febbraio.
Municipio 5 – Gli edifici del fu Ligresti – Voto 7,5
Si è svolta il 13 dicembre l’assemblea pubblica di presentazione del progetto di social housing in via Antegnati al Vigentino. Il cantiere per la riqualificazione dei cinque edifici abbandonati di Ligresti, che ospiteranno 500 famiglie, partirà a gennaio e prevederà anche una stecca per attività commerciali. Il Comune ha inoltre illustrato gli elementi della gara che si farà per il vicino intervento in via Monti Sabini, che finanzierà anche una nuova scuola con palestra aperta al quartiere.

Municipio 6 – Accessibilità sui Navigli – Voto 7
Via libera della giunta alla stipula di un protocollo per la realizzazione degli ascensori sui ponti del Naviglio Grande: saranno dunque finalmente abbattute le barriere architettoniche degli attraversamenti pedonali all’altezza delle vie Lombardini e Parenzo. Si partirà con i lavori a fine 2019 per un finanziamento complessivo di più di 400.000 euro. Una buona notizia in materia di accessibilità, nonostante i ritardi clamorosi: tutto avrebbe dovuto essere pronto per Expo.
Municipio 7 – Il futuro di San Siro – Voto 6
Non si fa che parlare di San Siro. Quale futuro per lo storico stadio cittadino? Tante le ipotesi al vaglio: ristrutturazione, nuovo stadio condiviso, ipotesi in altri quartieri. Anche il sindaco Sala, interrogato in merito, si è detto favorevole a un nuovo stadio (ma sempre in prossimità di San Siro) e ha chiesto un incontro con Milan e Inter entro fine anno. L’obiettivo comune è creare una struttura moderna e all’avanguardia: legittimo, a patto di non sacrificare il destino del tempio del calcio.
Municipio 8 – Bando per servizi abitativi – Voto 6,5
Al via il progetto Ponte Abitativo, pensato per aiutare chi si trova in difficoltà a pagare l’affitto sul mercato libero, per studenti e per lavoratori in transito a Milano: è online il bando (aperto fino al 14 gennaio) per l’affidamento in concessione decennale dei servizi abitativi di via Carbonia 3, zona Vialba. Si tratta di un edificio, ultimato nel 2017, di quattro piani e che ospita 48 alloggi di piccole dimensioni dislocati intorno a una corte con ballatoio e a due sale comuni per attività sociali e di incontro.
Municipio 9 – Urbanistica tattica in Gasparri? – Voto 7
Un sopralluogo con l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran, l’assessore alla Mobilità Marco Granelli ed esponenti del Municipio 9 per il futuro di piazza Gasparri si è tenuto negli scorsi giorni. Con discrete probabilità la piazza sarà interessata da lavori di urbanistica tattica la prossima primavera, con l’obiettivo di valorizzare la ricca rete associativa del quartiere Comasina e la presenza della scuola, della parrocchia e del futuro studentato della Bicocca.