Tornerà giovedì nei cinema italiani la tata più magica di sempre, in quello che è già un film evento per tutte le generazioni: con Il ritorno di Mary Poppins torna anche il portento e la meraviglia di una delle storie più amate di tutti i tempi, rivisitata in chiave moderna grazie alle impeccabili interpretazioni di Emily Blunt e Lin-Manuel Miranda, senza dubbio all’altezza delle grandi aspettative.

TRAMA • Nella Londra di metà secolo scorso torna protagonista la famiglia Banks, con le vicende dei “piccoli” Michael e Jane, ormai cresciuti e distanti dal mondo delle favole, ma uniti nella loro dimora infantile al civico 17 del Viale dei Ciliegi. Michael eredita dal padre il posto di lavoro presso la banca di credito, ma perde tragicamente la moglie che gli lascia in affido tre splendidi figli, John, Annabel e Georgie. La sua casa è prossima ad essere pignorata, ma saranno le astute mosse di Mary Poppins ad aiutare, ancora una volta, la famiglia Banks a superare tutte le loro difficoltà.

ICONICA · A vestire i panni di colei che è “praticamente perfetta sotto ogni punto di vista” c’è Emily Blunt, destinata a fare la storia del cinema disneyano grazie a questa preziosa interpretazione dell’iconico personaggio. Mezzo secolo dopo Julie Andrews – vincitrice all’epoca di un Oscar come Migliore attrice – tornano il candore e la diligenza della governante più incantevole del grande schermo, dotata di ombrello e valigia magici in grado di viaggiare nel tempo e nello spazio. Accanto a lei la vera sorpresa della pellicola, l’attore newyorkese Lin-Manuel Miranda, degno erede dell’energia atletica ed enfatica del suo predecessore – prima spazzacamino, ora lampionaio – Dick Van Dyke, anche lui presente nella pellicola attuale grazie ad un delizioso cameo.

MODERNO • Con una fotografia eccezionale, effetti speciali assicurati e coreografie spettacolari, Il ritorno di Mary Poppins si presenta al pubblico senza l’ambizione di uguagliare l’originale, ma con il desiderio di mostrare la stessa magia inventiva attraverso l’utilizzo di mezzi più moderni. Completano il cast Ben Whishaw, Emily Mortimer e l’ex potteriana Julie Walters, insieme alle lampanti apparizioni di Maryl Streep, Colin Firth e di un’adorabile Angela Lansbury. Meritano una lodevole menzione anche i piccoli Banks Pixie Davies, Nathanael Saleh e Joel Dawson, capaci di rendere assolutamente tangibile la tipica meraviglia negli occhi dei bambini estasiati dalla fantasia più sfrenata.

CORSA AI PREMI · Le pagine della scrittrice australiana Pamela Lyndon Travers tornano con la visione registica di Rob Marshall, autore di Chicago e Into the Woods (in cui si erano già espresse egregiamente le doti canore della Blunt), attraverso un occhio appassionato ed esteticamente perfetto del regista e coreografo statunitense, di certo supportato dai 130 milioni di dollari di budget stanziati dalla Walt Disney Company per la realizzazione del film. La pellicola ha ricevuto ben quattro candidature ai Golden Globe (del prossimo 6 gennaio) per le categorie di Miglior attrice e Miglior attore in un film musicale, insieme al Miglior film musicale e Miglior colonna sonora originale.

Origine: USA
Durata: 130 minuti
Regista: Rob Marshall
Genere: musicale