16.9 C
Milano
19. 05. 2024 11:25

Alessandro Borghese: mostra d’arte al ristorante

Tutto parte dall'uovo

Più letti

Andare a mangiare al ristorante di Alessandro Borghese per gustarsi, oltre al cibo, anche una mostra d’arte. È questo quello che può capitare fino al 31 luglio 2022, con AB – Il lusso della semplicità (il nome del ristorante di Alessandro Borghese) che ospita una mostra di arte contemporanea, una delle passioni dello chef.

Alessandro Borghese, mostra d’arte nel suo ristorante

Nel cuore di CityLife, Alessandro Borghese ospiterà tra le mura del suo ristorante una galleria di mostre temporanee, dove gli ospiti potranno gustare cucina gourmet fatta di ingredienti di altissima qualità, circondati dalla bellezza di diverse opere d’arte. Ecco infatti la nuova esposizione “N” Uovo Mondo, presentata assieme a Tabor Group. D’altronde il ristorante si è sempre contraddistinto per le mostre e le esposizioni artistiche ospitate. In particolare “N” Uovo Mondo vuole rappresentare un riverbero del presente e della società contemporanea attraverso l’uovo, simbolo dell’origine primordiale del mondo e archetipo di vita, di rinascita e di resurrezione.

Alessandro Borghese
Alessandro Borghese

Le opere d’arte esposte 

Tra i lavori esposti spiccano l’opera del maestro Rodolfo Viola per la celebrazione del sesto centenario della Veneranda Fabbrica del Duomo e quelle iconiche di Riccardo Gusmaroli dedicate all’impulso dell’uomo verso l’esplorazione dell’immaginazione e della psiche. Spazio anche ai ritratti di Mario Battimiello e ai lavori di Alessandro Antonucci, dove ricerca la forma attraverso la sottrazione, cancellando l’identità dei suoi soggetti senza privarli della grazia. Nell’installazione le serie sono “Existing in Costume” dell’artista coreano Chan Hyo Bae e “Jap Bar Code” del milanese Giuseppe Mastromatteo che denuncia la mercificazione del corpo femminile. Protagonista anche la scultura con le raffinate ceramiche dedicate ai personaggi della mitologia greca di Nicola Mirenda. Gli scultori Dario Goldaniga e Francesco Di Luca, con opere permanenti nel ristorante, affrontano i temi della fragilità umana e della ricostruzione. Questi lavori si uniscono ai centrotavola che adornano il ristorante, sculture numerate di Carlo Ramous.

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...