23.2 C
Milano
27. 06. 2022 09:56

Vincerà Milano: Sassuolo-Milan e Inter-Sampdoria decidono lo scudetto. Cosa succede a Milano

“Pienone” nei due stadi, il nodo dei festeggiamenti

Più letti

Chi farà la festa scudetto lo sapremo domenica sera. Sarà Milano, di una sponda calcistica o l’altra. Le probabilità dicono Milan e quindi esodo a Reggio Emilia, in un Mapei Stadium da 21mila posti che sarà largamente rossonero e nel quale con un pari o un successo esterno sul Sassuolo verrà alzata al cielo la coppa dei campioni d’Italia.

I biglietti sono stati polverizzati, altre 100mila richieste inevase sono rimaste in coda, tanto che la società ospite ha emesso una nota in cui ha invitato a non recarsi in Emilia senza tagliando. Sul web si moltiplicano tentativi di bagarinaggio online, da chi rivende i biglietti a 200 euro l’uno a chi si spinge fino a quota 3.000. Il titolo in campionato manca al club dal 2011, ultima stagione di Ibrahimovic prima dell’arrivederci e del più recente ritorno.

Corsa scudetto, l’ultimo turno e il programma dei festeggiamenti

La parte “milanese” dei festeggiamenti rossoneri (se così sarà) arriverà soltanto in serata, perché le gare del Diavolo e dell’Inter sono entrambe in programma alle 18 e ci vorrà tempo per la premiazione, tutto quel che ne seguirà negli spogliatoi, le interviste, l’arrivo in città e il pullman scoperto in mezzo a Piazza Duomo. Se al contrario il Sassuolo dovesse aggiudicarsi la partita e contemporaneamente vincere l’Inter contro la Sampdoria, a vedere il trofeo sarebbero i 70mila che hanno deciso di credere nel ribaltone affollando le tribune del Meazza. Anche in quel caso non mancherebbe l’apoteosi in centro città, ma i tempi sarebbero più corti, visto che la squadra sarebbe già a Milano.

derby di milano

Tra le ipotesi circolate nelle scorse settimane, quando è diventato chiaro che lo scudetto sarebbe finito nel capoluogo lombardo, c’è stata quella di una festa in differita al lunedì. Impossibile, per ragioni di eventi e non solo. Difficile pensare che i tifosi delle due squadre aspettino 24 ore per riversarsi nelle strade, tanto più dopo una vittoria all’ultima giornata contro i rivali cittadini. Inoltre il Meazza è già occupato il 23 maggio per l’Integration Heroes Match organizzato da Eto’o. Sarà richiesto un grosso sforzo agli organizzatori di Radio Italia Live di domani, ma non è certo che si riesca a smontare tutto l’enorme palco per la sera successiva.

Sotto l’aspetto calcistico, negli ultimi novanta minuti il lato emotivo conterà anche più di quello tecnico. Il Milan affronterà in trasferta una squadra che quest’anno ha vinto a San Siro contro entrambe le milanesi. In mezzo al campionato sarebbe stata una partita ancora più complicata, ma i ragazzi di Dionisi non hanno granché da chiedere alla stagione e a quelli di Pioli basta un pareggio. In caso di arrivo a pari punti farebbe la differenza la doppietta di Giroud nel derby dello scorso febbraio (1-2 rossonero dopo l’1-1 dell’andata). Non ha velleità ulteriori, a parte la soddisfazione di un successo a San Siro, nemmeno la Sampdoria: si è salvata con anticipo dopo un campionato complicato e appena raggiunto lo scopo ha battuto 4-1 la Fiorentina, scaricando tutte le recenti tensioni.

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...