15.6 C
Milano
24. 04. 2024 17:20

Nessuna stella cadente: Michelin premia gli chef milanesi

Michelin conferma tutti i riconoscimenti agli chef “milanesi”: i dettagli

Più letti

Le stelle resistono al Covid-19. Anche quest’anno Michelin Italia non ha rinunciato a presentare la sua guida ai ristoranti, la 66esima. Tra le 29 le novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in tredici regioni italiane, sono in totale 371 i ristoranti stellati in tutta la penisola.

A cominciare dagli undici al top, che mantengono il massimo del riconoscimento (tre stelle), tra i quali il “milanese” Enrico Bartolini con il suo ristorante al Mudec. Novità di quest’anno è la “stella verde”, assegnata a tredici chef che si sono distinti in fatto di sostenibilità. In questo caso il “milanesi” premiato è Pietro Leeman (Ristorante Joia di Milano).

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Vero mattatore è Davide Oldani che col suo D’O di Cornaredo ha conquistato la seconda stella. «Sto tremando – ha commentano – non ho mai avuto questa sensazione del bello e del leggero. Sono felice per i ragazzi che mi accompagnano in questa avventura nata 17 anni fa con la cucina democratica. E sono orgoglioso per il riconoscimento sulla sostenibilità che per me spazia dalla tracciabilità del cibo all’aiuto ai pescatori e ai cacciatori, oltre che nella valorizzazione di materie prime stagionali. I giovani – ha sottolineato ancora Oldani – devono imparare ad amare questo mestiere. Il problema che rimane molto duro. Vogliamo impegnarci ora per avere grandi cuochi che non diventino schiavi nella vita con turni massacranti. La Francia sta facendo qualcosa in tal senso. Vorrei che anche da noi i ragazzi delle scuole pubbliche possano andare all’estero per fare esperienza e tornare poi in Italia con l’orgoglio di rientrare nel Paese della cultura gastronomica più legata al benessere».

Numeri. La Lombardia rimane la regione più stellata, con tre novità per 59 stellati (3 con Tre Stelle, 6 con Due Stelle e 51 con una Stella). La 66esima edizione della Guida Michelin Italia propone ai lettori oltre 2.600 indirizzi tra alberghi e ristoranti. E c’è anche la faccina sorridente dell’Omino Michelin che si lecca i baffi per indicare locali che propongono una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 35 euro. La Guida Michelin non è solo cartacea.

Tutti i ristoranti della Guida Michelin Italia si trovano anche nella app Michelin Ristoranti, scaricabile gratuitamente per iOS e Android. Ricco di informazioni è il sito guide.michelin.com/it che funziona come motore di ricerca della Guida Michelin Italia, e permette di scegliere un ristorante secondo gusti, occasioni, budget. Ad ogni ristorante corrisponde una descrizione dettagliata. Inoltre, il sito contiene una sezione editoriale in cui si trovano ristoranti, novità in anteprima e itinerari suggestivi segnalati dagli ispettori.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...