6.2 C
Milano
26. 02. 2024 18:15

Suicidio Ruffino, il figlio Mirko: «Vedo la Milano del futuro, rappresento il meglio dell’eredità di papà»

Riuscirà a barcamenarsi tra lavoro, media e le accuse che gravano sull’eredità lasciatagli dal padre?

Più letti

«Oggi mi trovo ad occupare quella che potremmo definire “la parte dell’intruso”… oggi, qui con voi, non ci dovrei essere io bensì mio padre». È un ruggito da leone quello fuoriuscito dalle corde vocali di Mirko Ruffino, neo amministratore delegato di Sif Italia spa, durante il convegno su Beni e Servizi organizzato da Multidialogo al Fico Eataly World di Bologna.

Suicidio Ruffino, il figlio Mirko alla guida di Sif Italia

«Oggi, a seguito di quanto accaduto, oltre alla prospettiva di tanti è cambiata anche la mia visione del futuro – ha detto Ruffino -, ma vi assicuro una cosa, io rappresento e rappresenterò sempre il meglio dell’eredità di mio padre». Mirko Ruffino è subentrato alla guida di Sif Italia, la più grande società di amministrazioni condominiali nel sud Europa, in seguito al turbolento decesso del padre, Luca Ruffino, morto suicida il 6 agosto scorso e già presidente, tra le altre, di Visibilia Editore, società un tempo guidata dal Ministro Daniela Santanché e per la quale scalata azionaria è tutt’ora in corso un’indagine per aggiotaggio e manipolazione del mercato.

Morte Luca Ruffino
Luca Ruffino

Suicidio Ruffino: «Indecente non lasciarlo riposare in pace»

«In questi giorni ho letto articoli su articoli in cui si è veramente scritto di tutto e il contrario di tutto, in cui nessuno ha avuto la decenza di lasciare in pace la mia famiglia e il riposo di mio padre ma anzi, pur di vendere una copia in più si è addirittura insinuato il dubbio sull’effettivo suicidio di mio padre. Non ho rancori, i sentimenti di odio non mi appartengono… ma qualcuno dovrebbe davvero vergognarsi. (…) Sono determinato a far fruttare ciò che mio padre mi ha insegnato in tanti anni al suo fianco e sono certo che la mia azienda continuerà ad essere florida e solida come è e come è sempre stata. Ho avuto la grande fortuna, in un momento così complicato, di poter contare sul supporto dei collaboratori “di sempre” della nostra società nonché su un team giovane e dinamico con cui ripartire sin da subito… e questo mi porta, ad oggi, ad essere più battagliero che mai».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Gli obiettivi di Sif Italia

Ruffino durante il suo intervento a parlato inoltre della organica diffusione di Sif Italia su Milano e sulla necessità, oggi, di accentrare il suo lavoro sulla città in cui, oltre trent’anni fa, fu fondato il gruppo. Tra i tanti progetti in corso Ruffino ha riferito che la società oggi è già al lavoro per apportare tutte le migliorie Green possibili, in termini ecologici, nei grandi complessi di Milano e area metropolitana amministrati dal gruppo (City Life, Bosco Verticale, UpTown Milano, Milano3, ecc. ecc.) e che è in progetto la realizzazione di una grande EXPO “nostrana” in cui i milanesi potranno vedere, immaginare e disegnare la Milano del domani.

La sfida di Mirko Ruffino

Un top manager giovane (ad oggi Mirko Ruffino, con una società la cui capitalizzazione massima ha raggiunto oltre i 55 milioni di euro, è tra i dieci più giovani top manager italiani) con idee giovani… dinamico, ma nella tempesta; riuscirà a barcamenarsi tra lavoro, media e le accuse che gravano sull’eredità lasciatagli dal padre?

In breve

FantaMunicipio #20: una città più a suon di musica

La notizia della settimana per la città riguarda senza dubbio la musica e la presentazione, effettuata nel corso di...
A2A
A2A