-3 C
Milano
19. 01. 2021 06:41

A lezione di inclusività: il progetto “Comunità affettiva” dell’istituto Freud

Un progetto per superare le difficoltà della Dad e le insicurezze della pandemia: l'iniziativa del liceo Freud di Milano

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

La didattica a distanza è tornata ad essere una costante per gli istituti superiori. Così la scuola superiore Freud di Milano ha lanciato un nuovo programma per supportare i propri studenti in questa delicata fase. L’iniziativa si chiama “Progetto comunità affettiva ed inclusiva».

Il progetto. «È stato necessario – spiega il direttore Daniele Nappo – perché purtroppo di nuovo i ragazzi sono a casa e la didattica a distanza non basta. E’ necessario cambiare i canoni dell’insegnamento».

L’obiettivo è salvaguardare la comunità educante, intesa come un luogo intimo e di condivisione tra studenti e docenti. Per realizzare tutto ciò si cercherà di formare una comunità inclusiva attraverso la quale gli studenti possano esprimere le proprie difficoltà e paure legate a questa delicata fase. Insomma il traguardo finale sarà costituire una scuola che non guidi solo i ragazzi all’apprendimento, ma che si ponga soprattutto l’ambizione di insegnare a essere.

freud milano didattica

«Oggi il problema non è solo l’adolescenza – spiega Nappo – in questo periodo a causa del Covid si vivono paure, incertezze, errori e fallimenti in misura enorme. Il nostro progetto prevede che con una forza nuova gli studenti vengano spronati a non sostare nello stagno rassicurante, ma fermo, del conosciuto. Bisogna tenere accesa la luce dei valori. Quindi il corpo docente sta ascoltando uno per uno i ragazzi per capire le loro difficoltà non solo perché sono in Dad. E affrontiamo insieme tutti i problemi per arrivare un percorso condiviso e appunto inclusivo».

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti