13.8 C
Milano
10. 04. 2021 14:35

Ivan Cattaneo in mostra: «Quella volta con la Oxa…»

Più letti

Fontana: «Faremo un’estate da liberi. Entro domani prima dose di vaccino a tutti gli over 80»

«Quando saremo fuori bisogna chiederlo ai medici, ma questa estate, entro luglio, sempre che arrivino i vaccini, saremo messi...

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

Pittore prima che musicista, anche se ai più è noto per le doti di cantante: ad ogni modo, Ivan Cattaneo è protagonista con le sue opere, fino a dopodomani, venerdì 8 febbraio, della mostra VISI DI/VISI – Io Faccio Facce, presso Arcadia Art Gallery (Ripa di Porta Ticinese, 61).

L’esposizione, curata da Giorgio Gregorio Grasso, intende ricomporre «l’universo-viso, attraverso lo scrutare il volto umano, come paesaggio più strabiliante e intercambiabile», come spiega lo stesso Cattaneo, che resta comunque legato anche a Sanremo. Ma per di tanti anni fa.

Meglio cantante o pittore?

«Non sono un pittore per hobby, in realtà mi sono imbastardito nel tempo con la musica».

In che senso?

«La mia vera origine è quella proprio del pittore e del professore di storia dell’arte. Anche non ho mai praticato…».

Un po’ come David Bowie…

«Bowie fece fatica a confermare le sue doti di pittore, non riuscì mai bene a far emergere quest’origine. A New York fece una mostra con un nome falso e lo glorificarono. Poi col vero nome venne criticato».

Quali sono i tuoi ricordi legati al Festival di Sanremo?

«L’unica mia partecipazione, non come cantante in gara, risale al 1978. Accompagnai Anna Oxa, che canto Un’emozione da poco, arrivando seconda. Ora è cambiato tutto…».

In meglio o in peggio?

«È cambiato il mondo della musica. Esiste sempre la musica, meravigliosa ed eterea, sempre più nell’aria visto che ormai i cd sono spariti. Diciamo che è un mondo contorto, pieno di compromessi. Troppi».


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...