tempi nuovi
tempi nuovi

Modernità, velocità, rapidità, tecnologia e nuove relazioni saranno in scena, al Manzoni, con lo spettacolo Tempi Nuovi. Questa brillante commedia è scritta e diretta da Cristina Comencini che riesce, anche questa volta, a proporre un’opera frizzante, coinvolgente e molto attuale, regalando sorrisi e spunti di riflessione.

I protagonisti sono il capofamiglia Giuseppe, docente di storia immerso tra i libri che ha scritto e quelli che ha letto. La moglie Sabina, giornalista che si sta aggiornando sull’elettronica, così da poter dare una notizia in poche righe e non perdere il suo posto al giornale. I figli sono Antonio, giovane studente che ama la tecnologia e si ritrova a fare i conti con il passato e con suo padre solo per un compito sulla Resistenza.

La figlia maggiore, Clementina, non vive in casa e ben presto mette alla prova la modernità dei suoi genitori che la credono felicemente fidanzata con Davide. L’opera intende dimostrare come sia impossibile sottrarsi al nuovo, senza farsi fagocitare. Propone in modo leggero situazioni attuali grazie anche alla brillante interpretazione dei due protagonisti Maurizio Micheli (che sostituisce il compianto Ennio Fantastichini) e Iaia Forte.

Da domani a domenica 24 febbraio alle 20.45
Teatro Manzoni
Via Manzoni 42, Milano
Biglietti da 15,50 euro


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/