4.2 C
Milano
25. 01. 2022 18:43

Riparte il Piccolo Teatro: Longhi “E’ ora che ci sia consentita la massima capienza”

Più letti

Riparte la stagione teatrale del Piccolo Teatro di Milano e il suo direttore, Claudio Longhi, punta subito alla massima capienza grazie al Green Pass. Chiaro che non decide lui, ma lancia un messaggio alle istituzioni: il Piccolo Teatro è pronto.

Riparte il Piccolo Teatro 

Il direttore dello Strehler, Claudio Longhi, ha presentato il programma degli spettacoli autunnali del Piccolo Teatro, quelli che andranno fino a dicembre di quest’anno. A novembre, invece, sarà presentata la seconda parte della stagione. Longhi, intanto, riafferma deciso la linea del «Teatro d’arte per tutti», anche se i prezzi previsti forse predicano calma su tale affermazione (32 euro per i top seller nelle ultime file). 

Tanta voglia di sale piene e Green Pass

Claudio Longhi punta in alto, dopo la lettera del ministro Dario Franceschini al presidente del Consiglio Mario Draghi sul ritorno a ranghi completi: «Al momento la capacità delle sale Strehler, Grassi e Studio è ridotta a circa il 40%, visto l’obbligo a un distanziamento di un metro da bocca a bocca. Questo significa 350 poltrone per lo Strehler (su 900), 188 per il Grassi (su 450) e 182 per lo Studio (su 370). Durante il difficile periodo dell’emergenza sanitaria, i teatri in primis, e gli spazi della cultura in generale, hanno dato dimostrazione di grande serietà ed efficacia nella messa in campo delle misure di contrasto al Covid. È probabilmente arrivato il momento di riconoscere questo impegno concedendo il prima possibile un recupero, grazie all’adozione del green pass, della capienza piena delle sale». 

I protagonisti nel segno di Giorgio Strehler 

Gli spettacoli. Inaugurazione al Grassi nel segno di Giorgio Strehler, nei cent’anni della nascita, il primo ottobre con una serata speciale intitolata “Il mio mestiere è raccontare storie”, con la partecipazione di Andrea Jonasson, Giancarlo Dettori, Ferruccio Soleri, Ottavia Piccolo, Pamela Villoresi e Federica Rosellini. Il 2, allo Studio, va invece in scena l’atteso “Edificio 3” dell’argentino Claudio Tolcachir, autore e regista, provato durante il lockdown. L’“Arlecchino servitore di due padroni”, spettacolo simbolo del lavoro di Strehler, arriva il 12 ottobre; mentre allo Strehler il 14 ottobre è la volta di “Everywoman” dell’acclamato regista svizzero Milo Rau. Le domande per l’ammissione alla scuola di teatro “Luca Ronconi” sono state 970, contro 27 posti disponibili.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...