8.6 C
Milano
28. 02. 2024 04:28

Francesco Facchinetti, il duro sfogo dopo la morte dell’amico: «Questo Paese fa schifo»

Il presentatore e produttore si affida ai social per esternare tutto il suo dolore

Più letti

Rabbia e dolore nelle parole di Francesco Facchinetti, che tramite i suoi profili Instagram e TikTok si è lasciato andare a uno sfogo dopo la morte di un amico. «È una giornata triste, è morto il fratello di un mio amico, una persona con cui lavoro e a cui tengo molto. È morto per un incidente in moto nei pressi di Saronno», ha spiegato il cantante e presentatore.

Francesco Facchinetti e l’attacco all’Italia: «In che Paese siamo?»

Francesco Facchinetti ha raccontato la terribile vicenda esprimendo tutta la sua amarezza: «Per un cavillo burocratico la salma è rimasta sull’asfalto dalle 13 alle 17, davanti ai familiari. Io non ho parole. Il cavillo burocratico è il fatto che la zona si trova in un punto di confine tra le province di Como, Varese e Monza e Brianza. Ora è a Busto Arsizio sotto sequestro e il mio caro amico con i genitori non possono vederlo fino a lunedì. In che Paese siamo? Un Paese che ci obbliga a dare più del 50% di quello che guadagniamo e che non ci tutela in nessun modo e per un cavillo burocratico lascia un morto sull’asfalto per 5 ore».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

L’appello alle autorità

 

«È una triste verità. Io non voglio più abitare in questo Paese. Mi sento italiano nel dna ma quello che sta succedendo mi fa profondamente schifo – ha proseguito Facchinetti -. Siamo arrivati al Paese delle bestie. Spero che questo video possano vederlo le autorità competenti e che possano far vedere la salma prima di lunedì al mio amico e a parenti. Sono deluso da questo Paese, negli ultimi due anni stiamo toccando il fondo e forse abbiamo iniziato a scavare».

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A