27.6 C
Milano
27. 06. 2022 11:09

Povia fuori dal giro della grande musica: «Offro concerti a rimborso spese, si tratta di sopravvivenza»

Il grido d'aiuto del cantante milanese

Più letti

È quasi un grido d’allarme quello lanciato da Giuseppe Povia, quasi 50enne cantante milanese che, tagliato fuori dal mondo della grande musica, rilancia l’idea dei concerti a rimborso spese. E ammette: «Nel mio caso si parla proprio di sopravvivenza».

Giuseppe Povia chiede aiuto ai suoi fan su Instagram

Nel video di Instagram, dopo una breve musica inventata da lui stesso, Giuseppe Povia si esprime così: «Questo video perché non sono i soldi che portano le idee, come vogliono farci credere, ma sono le idee che portano soldi. E nel mio caso si parla proprio di sopravvivenza. E le idee ti vengono quando non te la passi bene però hai voglia di fare le cose. E allora, visto il successo dell’anno scorso, anche per quest’anno, essendo ancora tagliato fuori dai grandi circuiti, dalla grande concertazione, dai grandi palcoscenici, dai grandi eventi e dai grandi live delle manifestazioni canore, vi propongo i concerti privati a rimborso spese». 

Cosa sono i concerti privati a rimborso spese di Povia

Il cantante milanese, che a novembre compirà cinquant’anni, spiega la sua idea: «L’impianto lo porto io: sarà un’atmosfera molto bella, molto calda, l’anno scorso ci siamo divertiti molto, io porto l’impianto e la musica dal vivo; voi ci mettete il posto, la gente, oppure un buffet, una cosa molto semplice. L’anno scorso ho fatto concerti davanti a 500 persone ma ne ho fatti anche alcuni davanti a mille persone come a 30. E quest’anno replichiamo. Canto il mio concerto in ben tre atti: canzoni d’amore per sognare; canzoni sociali per riflettere e guardarci negli occhi; e anche canzoni d’attualità per simpaticamente arrabbiarci un po’ ma sempre con ironia e aria di festa. Ma sapete qual è il bello? Che in questo caso non dobbiamo rendere conto a nessuno, anzi. Potete farlo anche in serale, però poi mi offrite la cena. Libertà, vi voglio bene. Grazie, grazie se mi chiamerete». 

Che problemi ha Povia? 

Nel corso di molte interviste Povia ha ammesso di essere stato un alcolizzato, di aver avuto problemi di tossicodipendenza e di avere fatto uso di cocaina dai 18 ai 28 anni. Da sempre vicino a posizioni di destra e cattolico, dal 2013 il cantautore ha iniziato ad esporsi pubblicamente esplicitando idee euroscettiche e sovraniste.

Come contattare Povia?

Nel video su Instagram ci sono anche tutti i riferimenti internet per come contattare Povia. Lo si può chiamare al telefono al numero 3487623972. Ma anche mandare una mail agli indirizzi info@povia.net e giuseppepovia@vodafone.it.

Quando è nato Povia?

Giuseppe Povia, noto semplicemente come Povia, è nato a Milano il 19 novembre del 1972. Cantautore, chitarrista, ha vinto il Festival di Sanremo nel 2006 con il brano «Vorrei avere il becco». L’anno prima avrebbe voluto partecipare alla manifestazione canora con il brano «I bambini fanno ooh…» Ma, avendola già eseguita in pubblico, venne estromesso. Ciononostante il presentatore dell’epoca, Paolo Bonolis, lo fece esibire ugualmente l’ultima sera abbinando la canzona a un’iniziativa benefica per i bambini del Darfur. Risultato: un successo. Il brano rimase al primo posto in classifica per 20 settimane vincendo sette dischi di platino. È sposato dal 2007 con Teresa Giuli ed ha due figlie.

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...