10.1 C
Milano
01. 03. 2024 08:51

Sala è contrario allo sblocco dei licenziamenti: «Sono preoccupato. Si alza la tensione a Milano»

Il primo cittadino non vede di buon occhio lo sblocco dei licenziamenti voluto dal premier Draghi

Più letti

Nella giornata di ieri il Consiglio dei Ministri presieduto dal presidente Mario Draghi ha optato per la fine del blocco dei licenziamenti. Stessa sorte per il blocco degli affitti. Insomma a partire da oggi, 1° luglio, le aziende (escluse quelle del tessile ancora in forte difficoltà) potranno tornare a sfrattare, così come i proprietari potranno mandar via i propri affittuari morosi. Anche qui ci sono delle eccezioni: per ora il provvedimento vale solo per chi era già moroso prima della pandemia. Per tutti gli altri è stata concessa un ulteriore deroga fino a settembre.

Sul tema è intevernuto anche il sindaco Sala, il quale si è dichiarato preoccupato per la soluzione proposta dal governo: teme che a Milano possa scoppiare la tensione sociale.

Sala: “Il governo sblocca in certi settori e non altri”

“Io sono preoccupato perché ovviamente vedo le cose da una prospettiva un po’ diversa di quella di Assolombarda – ha dichiarato Sala durante l’inaugurazione di un mercato comunale -. Capisco le loro ragioni, però tra questo e la fine del blocco degli sfratti è chiaro che qualche tensione e problema su Milano sarà da gestire”.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Sala sottolinea anche come il governo non abbia applicato un trattamento equo in tutti i settori. “Vedremo un po’ cosa succederà. Certamente alcuni settori sono più in difficoltà e altri meno. Il governo sta andando verso lo sblocco in alcuni settori e non in altri. – ha concluso – Speriamo che abbiano fatto delle analisi ben fatte e lo vedremo subito”.

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A