9.6 C
Milano
21. 04. 2024 23:40

Statale di Milano, si laurea con 110 e fa ricorso al Tar per la lode ma perde: «Non è un diritto»

L'assurda vicenda del giovane laureato in Scienze Filosofiche

Più letti

Un laureato dell’Università Statale di Milano si è trovato al centro di un dibattito giudiziario dopo aver contestato la mancata assegnazione della lode, nonostante avesse conseguito il massimo dei voti, 110 su 110. La lode, ambita conferma di eccellenza accademica, non è stata riconosciuta al giovane laureato in Scienze filosofiche, scatenando una battaglia legale che ha coinvolto il Tar della Lombardia.

Un diritto o un’eccezione?

Il neo-dottore, dopo aver visto respinto un primo ricorso dal rettore dell’università, ha portato la sua causa davanti al Tar, sperando di ottenere giustizia. Il suo argomento si basava sulla presunta mancanza di motivazione da parte della commissione esaminatrice per la decisione di non concedere la lode. Il laureato sosteneva di aver raggiunto tutti gli obiettivi richiesti, nonostante alcune difficoltà dovute a dislessia, discalculia e disortografia.

La sentenza del Tar e le sue implicazioni

Il 22 febbraio, la sentenza del Tar ha chiarito il panorama: la lode è un riconoscimento premiale, non un diritto automatico derivante dal conseguimento di un punteggio perfetto. I giudici hanno sottolineato che eccellenti risultati accademici e una tesi di qualità sono prerequisiti per il voto massimo, ma non garantiscono l’aggiunta della lode, che rimane una prerogativa discrezionale della commissione.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Il caso dell’università Statale di Milano

Il caso solleva questioni significative sull’equità e la trasparenza nelle decisioni accademiche. Se da un lato la sentenza ribadisce la natura “premiale” e non “dovuta” della lode, dall’altro pone l’accento sulla necessità di chiarezza nei criteri di valutazione, specialmente in contesti accademici di alto livello come la Statale e non solo, a Milano. La decisione, non richiedendo motivazioni esplicite per la mancata attribuzione della lode, lascia spazio a interpretazioni e, potenzialmente, a futuri dibattiti sulla valutazione del merito accademico.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...