8.2 C
Milano
21. 02. 2024 02:00

Il Comune chiama all’appello i creativi: «Ripensiamo alla Milano di domani»

L'assessore Cristina Tajani lancia un invito ad architetti e designer per ripensare gli spazi commerciali durante la fase 2.

Più letti

La fase 2 rappresenta un piccolo passo verso la normalità, ma non è ancora il compimento di quest’ultima. Per tale motivo ci sarà anche bisogno di creatività per ripensare gli spazi durante questo delicato periodo. Così, l’assessore Cristina Tajani ha rivolto un invito ad architetti, creativi e designer per lanciare nuove proposte.

SOS fantasia. «Mai come ora – afferma l’assessore Cristina Tajani – abbiamo bisogno della fantasia e dell’immaginazione di designer, architetti e creativi per individuare soluzioni capaci di conciliare la sicurezza e il distanziamento sociale con i bisogni di socialità e convivialità delle persone e della fruizione di negozi e servizi».

comune creativi negozi fase 2

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Le idee che saranno inviate al Comune verranno raccolte in un albo e serviranno a facilitare la collaborazione tra i gestori dei locali e i creativi, al fine di riorganizzare i layout degli spazi commerciali. Insomma, l’obbiettivo è testare nuovi modi di socialità nel pieno rispetto delle regole anti-Covid.

Il catalogo dei progetti potrà essere consultato direttamente online sul sito del Comune. Non esiste un limite temporale per presentare i progetti: la raccolta andrà avanti per tutta la durata dell’emergenza. La proposta lanciata dall’assessore Tajani rientra nell’ottica partecipativa lanciata nelle settimane scorse con il documento “Milano 2020 Strategie di Adattamento».

In breve

FantaMunicipio #20: una città più a suon di musica

La notizia della settimana per la città riguarda senza dubbio la musica e la presentazione, effettuata nel corso di...
A2A
A2A