23.7 C
Milano
21. 06. 2024 13:52

Coronavirus, la paura del contagio fa slittare i vaccini

Per paura di contrarre il virus molti genitori hanno evitato di sottoporre i propri figli ai vaccini obbligatori

Più letti

La paura di contrarre il Covid-19 ha fatto sì che molti cittadini mettessero in secondo piano le cure mediche, pur di non recarsi presso i presidi ospedalieri. Dopo l’aumento dei decessi per infarto durante i mesi di lockdown, si regista anche un ritardo nelle vaccinazioni per i più piccoli. Secondo un’indagine condotta su 32 pediatri in tutta Italia, si stima che tra il 30 e l’80% dei genitori abbia rimandato il vaccino per i propri figli.

Effetto lockdown. «I ritardi – racconta Italo Farnetani, pediatra milanese e promotore dell’indagine – sono avvenuti un po’ per paura di frequentare le strutture sanitarie nel timore di prendere il virus, un po’ per oggettive difficoltà a muoversi».

vaccino
vaccino

Nonostante tutto c’è sempre tempo per rimettersi in pari con i vaccini saltati. «Non bisogna pensare che il richiamo dopo un po’ scada, come le multe – aggiunge Farnetani -. Mamme e papà devono stare tranquilli: c’è tempo per rimettersi in pari, ma è importante provvedere perché in questo modo proteggiamo la salute dei nostri figli. Non dimentichiamo poi di fare non solo i vaccini obbligatori, ma anche quelli raccomandati».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

 

 

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...