17.6 C
Milano
13. 04. 2024 02:20

CityLife: due decenni di lusso e innovazione nel cuore di Milano

Vent'anni fa Milano iniziava appena a delineare i contorni di quello che sarebbe diventato uno dei suoi quartieri più emblematici e rivoluzionari

Più letti

Vent’anni fa, Milano iniziava appena a delineare i contorni di quello che sarebbe diventato uno dei suoi quartieri più emblematici e rivoluzionari, CityLife. Situato sull’area precedentemente occupata dalla Fiera di Milano, rappresenta oggi un simbolo del lusso moderno e dell’architettura avanguardista, una testimonianza tangibile della rinascita e dell’evoluzione della metropoli lombarda.

Il quartiere che ha ridisegnato lo skyline milanese

La trasformazione di CityLife in questi due decenni è stata straordinaria. Il quartiere è dominato dalla famosa triade di grattacieli: “Il Dritto”, la Torre Isozaki, che svetta nel cielo milanese con i suoi 209 metri; “Lo Storto”, la torre Hadid, un capolavoro di design che si torce verso il cielo con i suoi 177 metri; e “Il Curvo”, la torre Libeskind, che completa l’ensemble con un design altrettanto audace. Questi edifici non sono solo residenze di lusso ma icone di un’architettura che sfida i limiti e ridefinisce l’estetica urbana.

VIP e vita di alto profilo a CityLife

Il fascino di CityLife ha attratto numerosi VIP e celebrità, rendendolo un vero e proprio punto di riferimento per l’élite. Tra i suoi residenti illustri, si annoverano personalità del calibro di Chiara Ferragni, che ha scelto questo quartiere per la sua abitazione, passando dalle residenze Hadid a quelle più recenti di Libeskind. Altri nomi noti che hanno abitato o abitano a CityLife includono Federico Marchetti, fondatore di Yoox Net-A-Porter, e vari giocatori dell’Inter, come Lautaro Martinez e Nicolò Barella, dimostrando come il quartiere sia diventato un vero e proprio simbolo di prestigio e successo.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

CityLife: microcosmo di modernità e lusso

Oltre ai suoi edifici residenziali, CityLife offre un’ampia gamma di servizi e infrastrutture, come un centro commerciale frequentato da oltre duecentomila visitatori al giorno, vasti spazi verdi sorvegliati, e una metropolitana che ne facilita l’accesso. Gli alloggi, dalle metrature generose, riflettono diversi stili architettonici, tutti accomunati dall’eleganza e dalla modernità.

Nonostante il lusso e l’innovazione, il quartiere non è esente da sfide e problematiche, come le questioni manutentive e le preoccupazioni ambientali legate al suo sviluppo. Tuttavia, le iniziative comunitarie e gli eventi culturali continuano a fare di CityLife un esempio di come l’urbanistica moderna possa coniugare lusso e comunità, innovazione e tradizione.

In conclusione, CityLife non è solo un quartiere di Milano; è un simbolo della città che guarda al futuro, un punto di riferimento per l’architettura, il lusso e la vita metropolitana di alto livello. Con i suoi vent’anni di storia, CityLife testimonia la trasformazione di Milano in una metropoli globale, pronta ad accogliere le sfide del domani.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...