Psoriasi ti (ri)conosco: sintomi e possibili complicanze
Psoriasi ti (ri)conosco: sintomi e possibili complicanze

La psoriasi è un problema molto diffuso, in Italia e non solo: lo è al punto da aver invaso anche le copertine dei tabloid e dei magazine, visto che non sono poche le celebrità che hanno sofferto (o continuano a soffrire) di questa patologia. Basti ad esempio pensare a Kim Kardashian: la nota VIP statunitense ha addirittura lanciato un appello sul web, rivolgendosi ai propri fan e chiedendo aiuto per guarire da questa condizione. Se anche le VIP dimostrano di non sapere come prendere per il verso giusto questo disturbo, allora significa che serve alzare l’asticella dei livelli di attenzione. Ecco perché oggi cercheremo insieme di capire come riconoscere la psoriasi e quali sono le possibili complicanze.

LA DIAGNOSI • Intanto è giusto sottolineare che nessuno può esimersi dal parere di un bravo dermatologo, ovvero l’unico professionista capace di analizzare i sintomi e di giungere ad una conclusione certa. Questo per via del fatto che i segnali della psoriasi possono essere confusi con quelli di altre malattie della pelle, perché in certi casi si somigliano. Fra i segnali tipici di un’infiammazione psoriasica troviamo la comparsa di placche o scaglie di pelle biancastra, insieme all’arrossamento di certe zone della pelle. A seconda del tipo di psoriasi potrebbero anche comparire delle papule eritematose o delle lesioni, soprattutto in zone come le pieghe delle ascelle. Altri sintomi di una certa gravità sono le pustole e gli edemi, insieme alla comparsa dell’artrite: un aspetto che studieremo più avanti. Inoltre la psoriasi, come successo alla Kardashian, tende a diffondersi in tutto il corpo arrivando anche a coprire aree molto vaste. Infine, questa malattia può colpire anche le unghie: la psoriasi ungueale, stando a quanto qui spiegato, si manifesta con alterazioni evidenti nel colore e nella forma delle unghie. In questi casi particolari potrebbe anche crescere lo spessore della lamina, spingendo l’unghia a separarsi dalla pelle.

TEST • Purtroppo la psoriasi, se non curata, può avere anche altri effetti alle volte molto pesanti sull’organismo in generale, e non solo sulla cute. Fra le problematiche che potrebbero insorgere, a causa di questa forma di infiammazione, si trovano ad esempio la celiachia e il diabete, insieme alla steatosi epatica, ai tumori e alle patologie di carattere cardio-vascolare. Anche l’artrite figura in questo elenco: al punto che, secondo le analisi di settore, circa il 25% dei pazienti sofferenti di questo disturbo ha poi sviluppato anche una specifica forma di artrite, non a caso indicata come “psoriasica” dai principali operatori sanitari. Nella fattispecie, si parla di un disturbo reumatico-infiammatorio che porta le articolazioni a gonfiarsi, a dolere e a irrigidirsi, fino al punto di deformarsi nel tempo. Quale legame si trova fra psoriasi e artrite? Secondo uno studio pubblicato sulle pagine della rivista scientifica Nature, il motivo sarebbe da ricercare in alcuni fattori e mutazioni a livello genetico. Lo studio ha anche preparato un modello che, grazie a un apposito test, potrebbe permettere di anticipare la comparsa di artrite nei soggetti a rischio.

La psoriasi dunque non va sottovalutata e anzi va curata il prima possibile, per evitare il più possibile un peggioramento dei vari sintomi.