8.7 C
Milano
04. 03. 2024 07:05

Studentessa prodigio del San Raffaele: «Ci dicano come ha fatto o andiamo al ministero» 

Tutti contro Carlotta Rossignoli: «L’ateneo chiarisca». Cosa c’è sotto? 

Più letti

Non c’è pace attorno a Carlotta Rossignoli, la studentessa prodigio del San Raffaele che è riuscita a laurearsi un anno prima della scadenza nonostante una vita molto impegnata. Negli ultimi tre anni, col Covid di mezzo, la veronese ha fatto sfoggio di sé sui social network tra weekend impegnati, vacanze in giro per il mondo, feste, lustrini e una vita che tutto ha, fuorché quella di sembrare di una studentessa impegnata in un percorso difficile come quello di medicina.

Chi è Carlotta Rossignoli, la studentessa prodigio del San Raffaele

Ma chi è Carlotta Rossignoli, la studentessa prodigio del San Raffaele? Originaria di Verona, è stata modella-testimonial del campus universitario su tutti i manifesti in giro per Milano; ma anche modella, indossatrice, influencer e molto altro. Tutte attività che, al pari del suo percorso universitario immacolato, hanno attirato l’attenzione di alcuni studenti del corso di Carlotta Rossignoli, che hanno inviato una lettera di protesta al presidente del corso di laurea internazionale Andrea Salonia e alla preside della facoltà di medicina e chirurgia della San Raffaele Flavia Valtorta per chiedere spiegazioni su come sia possibile che la ragazza si sia laureata in tempi così brevi. La lettera, ad oggi, è stata ignorata. 

L’indagine giornalistica

In un articolo apparso su Domani a firma della giornalista Selvaggia Lucarelli, si cerca di riavvolgere il nastro e si indaga su alcune peripezie della stessa Carlotta Rossignoli: «Si tacevano la sua felice situazione economica, il privilegio di poter frequentare scuole private, la vita tra hotel di lusso, borse e orologi da decine di migliaia di euro che certo non la inserivano a pieno titolo nella lista degli studenti che battono ogni record solo per merito. – si legge – Anche il fatto che la studentessa premiata da Mattarella e programmata per primeggiare in ogni campo insista sull’importanza di non perdere tempo e sulla sua vita immolata alla studio stride un bel po’ con ciò che mostra sui social».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carlotta Rossignoli (@calyross23)

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!


Una vita frenetica 

Negli ultimi tre anni, infatti, sul suo profilo Instagram si contano centinaia di foto di weekend e vacanze in Costa Smeralda, Lago di Garda, Sicilia, Mar Rosso, Cairo, Milano, Ortisei, Bolzano, Riccione, Amsterdam, Sudafrica, Forte dei marmi, Santo Domingo, Messico, New York, Londra, Abu Dhabi e così via: «A questo vanno aggiunti i numerosi shooting fotografici di intimo, abiti ed eventi sportivi, campagne pubblicitarie locali per laser estetico e negozi vari. Poi c’è l’attività televisiva in un programma sportivo locale. Le sedute in palestra. Le foto per i social, i reel», si legge ancora. 

I dubbi dei suoi colleghi e la lettera spedita all’università

Molte le questioni da risolvere: c’è chi afferma che i suoi esami si svolgessero rigorosamente a porte chiuse e che inizialmente la sua tesi fosse stata rifiutata, per poi venire riammessa. Ma quella che ha fatto discutere è stata la velocità con cui Carlotta Rossignoli si è laureata in medicina presso l’università Vita-Salute San Raffaele. «Non sarebbe infatti possibile laurearsi un anno prima in quella frequentando quinto e sesto anno in contemporanea. Ed ecc o dunque che alcuni studenti del corso di Carlotta Rossignoli hanno infatti la seguente lettera al presidente del corso di laurea internazionale Andrea Salonia e alla preside della facoltà di medicina e chirurgia della San Raffaele Flavia Valtorta. Lettera alla quale non è mai giunta risposta. E ora i ragazzi sono pronti a rivolgersi al Ministero dell’Istruzione.

Gentile Facoltà di Medicina,
Vi scrivo oggi per affrontare una questione importante a nome di tutta la mia classe. Siamo sicuri che questa mail arrivi senza troppe sorprese. Si tratta della laurea di una nostra collega, Carlotta Rossignoli.

Vorremmo sapere come è possibile per lei laurearsi prima di tutti gli altri. Vorremmo anche sapere come è possibile che abbia potuto fare, e fatto, il quinto anno insieme ai corsi e agli esami del sesto, come ha abbia potuto fare in anticipo le rotazioni che solo ora la classe poteva fare, come il suo progetto di tesi di 8 mesi si sia concluso a ottobre quando ci è stato permesso di iniziare solo a maggio 2022 (ciò implica che non poteva finire prima di dicembre 2022).

Vorremmo sapere come siano possibili queste eccezioni per alcuni studenti. Perché non ci è stata offerta la stessa opportunità? Da dove viene questa eccezione? Come ha potuto fare più corsi in più anni insieme? Vorremmo una spiegazione.

In secondo luogo, poiché la nostra compagna di classe Carlotta Rossignoli è stata autorizzata a laurearsi prima della nostra sessione di esami ufficiale (esattamente 3 sessioni prima), vorrei chiedere anche a nome della mia classe se avremo tutti l’opportunità di laurearci prima. Pensiamo che l’esclusione da questa opportunità di laurearsi in anticipo sia ridicola. Considerato l’eventuale completamento degli esami nella sessione di dicembre e il completamento della tesi nel periodo minimo di 8 mesi, alcuni compagni di classe potrebbero potenzialmente laurearsi a febbraio. Perché questo non è possibile per le persone che sono in grado di farlo?

Vorremmo una spiegazione sul perché la nostra compagna di classe sia sempre un’eccezione a ogni regola che questa università sembra attuare in modo così rigido, ma che diventa molto risolvibile e flessibile quando riguarda la nostra compagna di classe.

Questo problema genera anche preoccupazioni sulla credibilità del corso e della laurea, poiché le regole sono modificabili solo per alcune persone.

Vorremmo solo delle risposte. Sono sicuro che queste risposte sono richieste da tanti anni e da altri corsi, anche di studenti già laureati, in quanto siamo certi che abbiate già ricevuto altre email, ma le scrivo a nome della mia classe, dato che si tratta di una collega della nostra classe. O forse è meglio dire che “era” una collega, dato che le sono stati concessi dei privilegi e ora si sta laureando, a differenza di noi altri.
Non vediamo l’ora di sentire la vostra risposta.
Cordiali saluti,
IMDP Anno 6

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A