21.3 C
Milano
12. 05. 2021 19:09

EurOlimpia, col Fener è già antipasto playoff

Continua la corsa dell’Olimpia alla seconda fase di Eurolega

Più letti

Continua la corsa dell’Olimpia alla seconda fase di Eurolega. Se i playoff, dopo il successo contro il Khimki, sembrano assolutamente alla portata, resta importante vincere scontri diretti per accaparrarsi l’accoppiamento migliore.

Detto che è impensabile fare pronostici ora sulla possibile avversaria per via di una classifica molto corta, diventa un bel banco di prova per i biancorossi la sfida di stasera alle 20.45 con il Fenerbahçe, squadra in grande forma, reduce da un filotto di dieci vittorie consecutive.

Abbiamo analizzato con Franco Casalini, ex allenatore biancorosso e voce di Eurosport, le insidie del match del Forum: «Quella turca è una squadra in grossa crescita e tenerla a distanza in classifica sarebbe importante. Non tanto per la qualificazione playoff, ma proprio per il posizionamento conclusivo».

Datome. Effettivamente la sensazione data dal recente cammino dell’AX in Eurolega ha mostrato una squadra solida, con certezze, tanti leader e una consapevolezza che negli anni recenti non si era mai vista.

«Milano ha fatto il definitivo salto di qualità rispetto alle ultime stagioni. Con gli innesti estivi aggiunti a Rodriguez è al top in Europa e non deve precludersi alcun tipo di risultato», vaticina Casalini. Tanti leader, ma uno-due giocatori chiave: «Credo che l’uomo determinante sia Hines, il collante del gruppo: in attacco, difesa e spogliatoio. È quel tipo di elemento che dà fiducia e sicurezza a tutti. Poi ovviamente la creatura finale nasce dal cervello di Messina e dall’intensità su entrambe le metà campo».

Insieme all’ex CSKA, da sottolineare anche la stagione fin qui disputata da Datome, arrivato in sordina ma autore di una delle sue migliori annate. «È un ragazzo talmente intelligente che ha saputo rinnovarsi nel tempo: fisicamente, tecnicamente, tatticamente e strategicamente. Non è un caso che quest’anno i due arrivi di Hines e Datome abbiano consentito all’Olimpia di fare il salto di qualità».

 

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...