2.1 C
Milano
21. 01. 2021 06:20

Lezione di apicoltura al Parco Nord: così si produce il miele a chilometro zero

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

Produrre miele a chilometro zero, così tanto a chilometro zero da essere praticamente sotto casa, si può. Grazie al Parco Nord Milano, inteso sia come luogo dove poter mettere alla prova le proprie doti di apicoltore, sia come ente che anche per il 2019 rinnova l’invito a partecipare al nuovo corso di apicoltura urbana, in partenza domani, mercoledì 20 febbraio.

Il percorso è organizzato dal consorzio di gestione del polmone verde del Nordmilano insieme al professor Mario Colombo, docente di Agraria dell’Università degli Studi di Milano. Le lezioni (che si terranno al padiglion Oxy.Gen di Zambon, a Bresso, in via Campestre) sono quattro e andranno in scena sempre di mercoledì, dalle 20.00 alle 22.00.

Api e insetti; anatomia, fisiologia, morfologia ed etologia; produzioni apistiche; e problemi sanitari: questi i temi toccati dalle lezioni frontali a cui si sommano due incontri pratici che prevedono la visita a una realtà agricola che produce miele e quindi all’apiario del Parco Nord, dove già oggi si produce il cosiddetto nettare degli dei. Il costo di partecipazione è di 70 euro e per avere informazioni ed iscriversi si può visitare il sito del parco all’indirizzo parconord.milano.it.

L’iniziativa si rivolge a tutti, senza escludere i giovani che vogliono lanciarsi in questa avventura. Sempre ai giovani il Parco Nord ha appena aperto i suoi 800 orti: da quest’anno infatti gli orti condivisi che venivano assegnati solo ad anziani e pensionati, potranno essere ‘affittati’ anche da giovani e famiglie che hanno (o pensano di avere il pollice verde) e vogliono provare a coltivare un piccolo appezzamento di terreno (25 metri quadrati, distribuiti in 13 nuclei sui territori comunali di Milano, Bresso, Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e Cormano).

La decisione, in qualche modo storica per il territorio, è stata presa dal Consiglio di Gestione che ha votato il nuovo Regolamento degli Orti. «Non escludiamo la valenza sociale del progetto degli orti condivisi, per cui gli anziani restano il pubblico a cui si rivolge maggiormente questa proposta», le parole del direttore del Parco Nord, Riccardo Gini. Per fare richiesta di uno spazio consultare sempre il sito ufficiale del parco.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti