4.1 C
Milano
09. 12. 2022 00:44

SeiMilano diventa un nuovo grande polmone verde: ciclabili, boulevard e passeggiate pedonali

Tante nuove strutture che si integrano con la natura: il progetto

Più letti

L’idea non poteva che venire da Regina De Albertis: dedicare il parco al padre Claudio che tanto si era adoperato in favore di SeiMilano. La proposta del presidente di Assimpredil Ance, in questo caso nelle vesti anche di consigliere delegato Borio Mangiarotti SpA, ha contribuito a mettere la parola fine alle tante vicissitudini che hanno caratterizzato gli ultimi 15 anni di questo insediamento edilizio di via dei Calchi Taeggi, nella periferia ovest della città.

Il parco SeiMilano

Con la posa delle prima piante si è voltato pagina dando il via a un parco di 16 ettari, progettato da Desvigne, che prevede 4.100 arbusti e 116.000 metri quadrati di tappeti erbosi: in particolare saranno ospitati 2.300 alberi ad alto fusto, appartenenti a specie presenti in Lombardia. Il parco, realizzato a scomputo oneri sarà dotato di piste ciclabili, una zona di 15.000 metri quadrati destinata alla pratica sportiva e un’area cani di 3.000 mentre i bambini avranno a disposizione uno spazio di 4.300 per i giochi.

SeiMilano, si va avanti

I progetti

Il parco si arricchisce di due progetti: la realizzazione di un asilo e una scuola materna mentre sono già iniziati i lavori di realizzazione di un Centro di Aggregazione Multifunzionale (CAM), destinato in parte ai servizi sociali del Comune ed in parte a funzioni collettive, che sarà terminato nella prima metà del 2023.

Rigenerazione urbana

SeiMilano è un progetto di rigenerazione urbana che Borio Mangiarotti e Värde Partners stanno realizzando con un investimento di oltre 250 milioni di euro su un’area di 330.000 metriquadrati fra via Calchi Taeggi e via Bisceglie. Si tratta di un intervento firmato dallo studio Mario Cucinella Architects che punta alla realizzazione di un quartiere mixed-use, ovvero con funzione residenziale, commerciale e direzionale, con circa 1.200 residenze, in edilizia libera e convenzionata, 30.000 metri quadrati di uffici e circa 10.000 destinati alle attività commerciali.

Tempi di realizzazione

La fine dei lavori è fissata per il 2024 ma già a giugno del prossimo anno sarà aperto il parco. Secondo l’assessore alla Rigenerazione urbana Giancarlo Tancredi siamo in presenza di «un nuovo, ampio parco in continuità con quello dei Fontanili e con l’intero sistema dei parchi dell’ovest di Milano. Quello di SeiMilano, nel suo complesso, è un intervento di dimensioni rilevanti, che prevede anche molti alloggi in edilizia convenzionata». Anche Regina De Albertis ha posto l’accento sul parco: «Tutto l’intervento di SeiMilano, che sta ridisegnando un quadrante della Città, ruota intorno al verde. Con l’avvio dei lavori per il parco, il progetto comincia a prendere forma e a svelare il suo volto».

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...