Alla scoperta del Romanticismo tra Gallerie d’Italia e Poldi Pezzoli

Gallerie d’Italia
Gallerie d’Italia

Ancora una volta Milano si fa protagonista internazionale dell’arte e della cultura. Ancora una volta sono le Gallerie d’Italia (sede museale di Intesa SanPaolo) a regalare al pubblico una mostra d’eccezione, intitolata Romanticismo, aperta da venerdì 26 ottobre al 17 marzo.

DOPPIA LOCATION • Una delle particolarità riguarda la collaborazione con il Museo Poldi Pezzoli, dove sarà esposta parte della numerosa raccolta proveniente da importanti musei e collezioni private, nazionali e internazionali (cinque sezioni su diciassette complessive della mostra).

La rassegna, curata da Francesco Mazzocca, ha richiesto tre anni di lavoro ed è composta da duecento opere di artisti italiani e stranieri, considerati i maggiori interpreti della pittura del Romanticismo: dal tedesco Friedrich agli inglesi Turner e Constable, dai francesi Corot, Delacroix e Géricault, agli italiani Hayez, Caffi, D’Azeglio, Inganni e Schiavoni. Sono tutti artisti che con le loro opere trasporteranno il visitatore alla scoperta del movimento che segnò l’affermazione dell’individualità, della soggettività e del sentimento nell’arte, con un occhio di riguardo al rapporto che il Romanticismo ebbe in Italia con la stagione risorgimentale.

CENNI STORICI • Il movimento artistico si diffuse in tutta Europa nella prima metà dell’Ottocento, anticipato in Germania dal movimento dello Sturm und Drang, che per primo pose l’attenzione sulla libertà individuale dell’artista, sull’interiorità e sul rapporto tra uomo e natura. Il Romanticismo si distinse dal Neoclassicismo, ancora presente a inizio Ottocento, per l’affermazione di temi pittorici indicatori di una nuova sensibilità che rifiutava l’idea illuministica della ragione a favore di un’esplorazione nell’irrazionale: il sogno, la follia, i sentimenti divennero elementi fondamentali per la nuova rappresentazione della natura e della storia.

Milano fu la città italiana che più di tutte le altre ha avuto in quegli anni una maggiore vocazione europea divenendo un grande centro della civiltà romantica, sia per quando riguarda le arti figurative che sul versante letterario e musicale, basti pensare alle annuali esposizioni d’arte che si tennero all’Accademia di Brera, alla nascita delle nuove imprese editoriali e ai teatri come la Scala e il Carcano, agli intellettuali che l’hanno animata come Alessandro Manzoni, Ugo Foscolo, Gioacchino Rossini e Giuseppe Verdi.

Romanticismo

Dal 26 ottobre 2018 al 17 marzo 2019

Gallerie d’Italia
Piazza della Scala 6, Milano

Da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30
Giovedì dalle 9.30 alle 22.30

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12, Milano

Da mercoledì a lunedì dalle 10.00 alle 18.00
Giovedì dalle 10.00 alle 22.30

Biglietti congiunti (mostra e collezioni permanenti): 10 euro
Clienti Intesa Sanpaolo presso Gallerie d’Italia: 5 euro

gallerieditalia.com
museopoldipezzoli.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here