24.1 C
Milano
29. 05. 2024 17:53

Il teatro entra a Palazzo Marino con uno spettacolo su Giacomo Matteotti

L’Aula consiliare ospita il ricordo del politico, giornalista e antifascista italiano assassinato il 10 giugno 1924

Più letti

«Giacomo (Matteotti… io il mio discorso l’ho fatto»: è questo il titolo della spettacolo promosso dalla Presidente Buscemi nell’ambito di Milano è memoria, proposto dalla rassegna Stanze e realizzato dal Teatro dei Borgia. L’appuntamento è stasera, martedì 30 maggio 2023, alle ore 21. Dove? A Palazzo Marino! La sede del Comune si trasforma così in un palcoscenico.

Giacomo Matteotti a Palazzo Marino: tutto sullo spettacolo

L’ingresso è libero e su prenotazione fino ad esaurimento posti, ma lo spettacolo è visibile anche in diretta streaming su InComune, la WebTvRadio del Comune di Milano. Questa rappresentazione non solo parla del deputato socialista, ma mette anche a confronto due dei suoi interventi in Parlamento: quello del 31 gennaio 1921 e quello del 30 maggio 1924, l’ultima seduta a cui partecipò, prima di essere assassinato dai fascisti. In scena l’attrice Elena Cotugno per la regia di Gianpiero Borgia.

«Il 30 maggio di 99 anni fa Giacomo Matteotti teneva il suo ultimo discorso alla Camera dei deputati – ricorda la Presidente del Consiglio comunale, Elena Buscemi –. Un intervento di denuncia, certamente non l’unico da parte sua, delle violenze perpetrate dai fascisti e dei brogli da loro commessi alle ultime elezioni». E ancora: «Per quel discorso, per il suo impegno politico in favore di braccianti e lavoratori e per la sua forte opposizione al fascismo, Matteotti pagò con la vita. Rievocare quelle parole, la sua figura e il suo assassinio, è uno di quegli esercizi storici, politici e morali che fanno bene alla coscienza civica di ogni cittadino democratico e antifascista. Oggi come ieri», conclude Buscemi.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Giacomo Matteotti
Giacomo Matteotti

Tra i banchi dell’emiciclo di Palazzo Marino verranno riproposti i discorsi di Giacomo Matteotti nella loro terrificante verità. L’iniziativa è resa possibile grazie al sostegno di Centro Brera, Centro studi Grande Milano, Centro studi Circolo Caldara, The mill / Le passioni generano idee ed ha il patrocinio del Comune di Fratta Polesine, della Fondazione Giacomo Matteotti, della Fondazione di Studi storici “Filippo Turati” e della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli. La realizzazione dello spazio scenico è di Filippo Sarcinelli, i costumi di Giuseppe Avallone, l’ideazione, il coaching, la regia e le luci di Gianpiero Borgia. Coproduzione di TB e Artisti associati Gorizia.

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...