24.1 C
Milano
29. 05. 2024 16:34

Merlata Bloom Milano apre in autunno: ecco tutti i nuovi negozi

Colmar, Timberland ma anche... Gianluca Vacchi

Più letti

Mancano pochi mesi all’apertura ufficiale del Merlata Bloom Milano, il centro commerciale lifestyle che unisce, in un ponte fisico e ideale, l’area ex Expo e il nuovo quartiere UptownOltre 170 negozi, tra brand inediti e concept store sperimentali. Ben 43 esercizi innovativi Food & Beverage, di ispirazione High Street. Un superstore Esselunga, un cinema multisala di ultima generazione (si chiamerà Notorius), un Decathlon «esperienziale» unico al mondo. E poi ancora palestre, aree dedicate all’intrattenimento delle famiglie e dei giovani, spazi per il leisure e la cultura. L’obiettivo è consegnare al distretto una struttura unica in Europa: non un centro commerciale, ma un lifestyle center, un hub dell’intrattenimento, del food e del commercio che per ampiezza e per vocazione costituirà una proposta unica nel panorama internazionale.

Merlata Bloom Milano, tutte le novità

Il Merlata Bloom Milano sarà inoltre la definitiva cerniera di interconnessione tra i masterplan dell’area Ex Expo 2015, il distretto della scienza e della tecnologia Mind – Milano Innovation District, e il quartiere residenziale UpTown – Cascina Merlata, generando la necessaria fusione dei due enormi interventi di trasformazione urbana che stanno interessando, rivoluzionandolo, il quadrante Nord-Ovest di Milano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da UpTown (@uptown.milano)

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!


Scrivevamo il 13 dicembre 2022

Manca ancora del tempo all’apertura di Merlata Bloom Milano ma la sua commercializzazione ha già superato l’80% con importanti brand che avranno qui i loro negozi. Ne ha parlato a Cannes, durante l’edizione francese della fiera Mapic, Nhood Italia, la società di servizi immobiliari specializzata nella trasformazione di spazi in luoghi di vita a uso misto. La quale ha annunciato, tra le altre, che nel nuovo centro commerciale milanese ci sarà anche Kebhouze, la catena di kebab su cui ha investito Gianluca Vacchi.

Merlata Bloom Milano, la novità Colmar 

Il centro commerciale di Merlata Bloom Milano, che avrà un’estensione di 80 mila metri quadrati e complessivi 325 milioni di euro di investimento, sarà aperto solo nel secondo semestre del 2023 e rappresenterà, per il nuovo quartiere di Cascina Merlata ubicato a Nord-Ovest, nell’ex area Expo 2015 (dietro via Gallarate), un punto di riferimento unico. In questa struttura, ai già noti negozi che hanno firmato il loro ingresso nel centro commerciale già ad inizio trattative (su tutti Esselunga e Decathlon), ecco ora arrivare, per la prima volta in uno shopping center, Colmar, brandi di abbigliamento sportivo invernale, già presente a Milano in Piazza Gae Aulenti. 

Merlata Bloom Milano fuori
Merlata Bloom Milano

L’abbigliamento a Merlata Bloom Milano 

Poi i brandi di abbigliamento: ampia la platea, si va da Antony Morato a Calvin Klein, fino Dixie, Imperial, Levi’s, Napapijri, Suite Benedict, Timberland, Tommy Hilfiger, Ovs e Jd Sports. Un parterre per tutte le tasche, dai brand più accessibili a quelli più esclusivi. 

Tutti i brand della ristorazione del Merlata Bloom Milano, la novità Kebhouze 

Per la ristorazione ci saranno Fresco & Cimmino (43 locali di pizza, primi e secondi), Old Wild West, Bun Burgers (attivo specialmente a Milano e poi a Torino e a Genova) e Cioccolatitaliani. Ma anche Ichi Station (giapponese, 6 vetrine, tutte a Milano) e Macha Cafè. 

Merlata Bloom Milano
Merlata Bloom Milano

La novità dell’elettronica, anche Apple a Merlata Bloom Milano 

Nel settore dell’elettronica la novità più interessante sarà la presenza di Juice, catena di negozi Apple premium reseller. Haili Zhou, leasing manager di Nhood: «Abbiamo lavorato al fianco di insegne con proposte innovative come Kebhouze, la catena di kebab su cui ha investito Gianluca Vacchi, catena che è già un punto di riferimento in Italia con oltre 20 aperture solo nel 2022. Poi Flower Burger, primo al mondo nel segmento fastfood vegano per numero di siti (25 fra Italia, Olanda, Gran Bretagna e Francia, ndr.), che dal 2015 continua a espandersi conquistando il cuore delle persone con i suoi famosi burger arcobaleno. E ancora Mistertea, per il bubble tea, e Ham Holy Burger, la cui fassona piemontese è un ottimo esempio della valorizzazione delle eccellenze italiane». 

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...