24 C
Milano
27. 05. 2024 15:24

Orchestra Sinfonica di Milano, gran finale a tutto Ravel con Wayne Marshall e Kirill Gerstein

Ultimo appuntamento della Stagione Sinfonica 2022-2023

Più letti

Giovedì 8 (ore 20.30), venerdì 9 (ore 20) e domenica 11 giugno (ore 16) va in scena l’ultimo appuntamento della Stagione Sinfonica 2022-2023 dell’Orchestra Sinfonica di Milano. Sul podio sale Wayne Marshall, uno degli artisti più eclettici e versatili della scena musicale dei nostri giorni, che ha ricoperto per anni il ruolo di direttore principale ospite della Orchestra Sinfonica di Milano.

Orchestra Sinfonica di Milano, Ravel

Marshall mette la sua sapienza musicale a disposizione del meraviglioso repertorio sinfonico di Maurice Ravel, compositore che ha scritto decine di pagine di ineguagliabile fattura. Una in particolare, il Boléro, lo ha reso universalmente noto anche al di fuori del mondo della musica classica.

Decine sono stati gli omaggi musicali a questo monumento di aggregazione timbrica, vero e proprio castello sonoro che si costruisce di fronte alle orecchie di chi ascolta, che da un rullante in pianissimo arriva a un’orchestra intera in fortissimo, crescendo di un decibel alla volta, facendo innamorare di una pulsazione ritmica (ripetuta 169 volte), e di due temi facili e perfetti, proposti in tutte le loro combinazioni timbriche. Una pagina sinfonica che è giunta in territori apparentemente lontani diventando protagonista di una cover reggae di Frank Zappa e di una composizione rock di Jeff Beck, senza contare le innumerevoli versioni elettroniche.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Orchestra Sinfonica di Milano, non solo Bolero

Di Ravel, oltre al Boléro, viene proposta Alborada del gracioso, i due splendidi Concerti per pianoforte e orchestra (quello in Sol maggiore e quello in Re maggiore, scritto per la sola mano sinistra poiché dedicato a un pianista che in guerra rimase mutilato della mano destra) e, appunto, Boléro, nelle cui iterazioni e trasformazioni continue sono stati indicati, talvolta, i principi costruttivi della minimal music, e il cui processo di accrescimento strumentale, realizzato da Ravel con infallibile razionalità, si rivolge ai sensi di chi ascolta, a una ricezione non razionale.

Orchestra Sinfonica di Milano, conferenza

Giovedì 8 giugno alle ore 18.30 si terrà una Conferenza introduttiva nel Foyer della Balconata, In collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore – Studium musicale d’Ateneo. Relatore Martino Tosi, intitolata “Il formidabile bricoleur Maurice Ravel”: “Il Boléro, il Concerto per pianoforte e orchestra in Sol e il Concerto per pianoforte e orchestra per la mano sinistra sono le ultime opere di ampio respiro scritte da Ravel.

In esse, il più formidabile bricoleur della storia della musica, offre un omaggio alla musica del passato, in particolare a Mozart e Saint-Saëns. Si confronta-scontra con il presente: Prokof’ev, Stravinskij, Rachmaninov, Bartók e, oltreoceano, George Gershwin e il jazz. Anticipa infine il futuro oltre la dodecafonia, già alla fine degli anni Venti, facendo intravedere la musica ripetitiva di Steve Reich e Apparitions e Volumina di Ligeti.”

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...