1 C
Milano
17. 01. 2021 04:56

«Tutto nasce dal Gospel»: il mondo di Matteo Borghi

Il cantautore milanese Matteo Borghi pubblica il nuovo singolo Adios

Più letti

Covid, panico per la nuova variante brasiliana. Pregliasco: «Ogni variante inquieta, veloci con i vaccini»

Dopo la variante inglese e quella sudafricana, una nuova mutazione del virus preoccupa l'opinione pubblica: si tratta della versione...

Bollettino regionale, riprende la lenta discesa delle terapie intensive: Milano, +365 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.134, di cui 114 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

I dubbi del Dpcm: è possibile andare nelle seconde case fuori Regione?

Uno dei principali dubbi del Dpcm appena entrato in vigore resta la possibilità di raggiungere le seconde case. È...
Il cantautore milanese Matteo Borghi pubblica il nuovo singolo Adios, un brano che professa l’importanza di essere liberi al giorno d’oggi: «La tendenza al giudizio di ciò che non comprendiamo è ancora tanta – racconta a Mi-Tomorrow – perché il diverso ha sempre una colpa. Piuttosto che avere curiosità, si ha paura di non comprendere ciò che è differente da noi. Ho sempre vissuto libero da preconcetti e pregiudizi e anche questo mi ha aiutato a sentirmi libero nella musica».
Da qui, anche il suo approccio al gospel milanese: «Ho coltivato le mie inquietudini musicali in oratorio ad Arluno, alle porte dell’alto milanese, per poi approdare al primo coro gospel messo in piedi in corso Buenos Aires grazie a Beatrice Senigallia: qui ho imparato il peso delle parole in musica. Cantare è pregare due volte: pensando a ciò che si canta, si accarezza l’anima di chi ti sta ascoltando».

In breve

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Potrebbe interessarti