13.8 C
Milano
10. 04. 2021 13:43

Serie Tv, le vostre recensioni: benvenuti a Broadchurch

Più letti

Sondaggio Eumetra: «Albertini unico nome in grado di battere Sala»

C’è una sola carta in mano al centrodestra per provare ad impensierire seriamente Giuseppe Sala alle prossime elezioni Comunali...

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...

La “pentolada” dei Sentinelli: «Gestione inadeguata di Regione Lombardia, dimettetevi»

«Per dire a Fontana di andarsene. Per dire che in Lombardia è andato tutto male». Così i Sentinelli, insieme ad...

Quali sono le conseguenze devastanti della morte di un bambino? Siamo a Broadchurch (nome di fantasia), Dorset. Si tratta di un piccolo borgo inglese arroccato su una scogliera che scende a picco sul mare. Il ritrovamento in spiaggia del corpo del piccolo Danny Latimer innesca un’inarrestabile catena di eventi che svelano le inquietanti ombre della sua famiglia e della comunità circostante.

Incaricato di svolgere l’indagine è Alec Hardy, scorbutico e saccente ispettore trasferitosi lì proprio con l’obiettivo di lasciarsi alle spalle storie del genere. A interpretarlo è un magnetico David Tennant (già visto nei panni del protagonista di alcune stagioni di Doctor Who e in versione cattivo in Jessica Jones e Harry Potter e il calice di fuoco). Ad assisterlo c’è la sgangherata collega Ellie Miller che lavora sul caso ma è al contempo fortemente condizionata dai suoi legami con i concittadini.

ERRORI UMANI • Dimenticatevi subito i “super detective” alla Sherlock Holmes, capaci di dedurre l’accaduto mettendo insieme una serie di indizi quasi fosse magia. Anzi, in maniera molto concreta e reale ci saranno errori e comportamenti molto umani che complicheranno ulteriormente le cose. Nella seconda stagione il racconto vira decisamente sul genere legale, occupandosi del processo e rispolverando il passato di Hardy. La terza e ultima stagione, infine, presenta un caso di stupro. Broadchurch è una serie decisamente avvincente, empatica, talvolta persino irritante, che affronta le debolezze e gli orrori degli uomini. Il paesaggio (non è un caso che dopo la messa in onda il Dorset abbia aumentato il numero di turisti) è quasi un personaggio aggiunto: la scogliera e la sua spiaggia ospitano perfettamente un’indagine faticosa, piena di misteri, tra sabbia e pioggia. La ricerca del colpevole è piena di indiziati e non mancano riflessioni sulle deviazioni delle realtà che circondano questi casi: testimoni, parenti, giornalisti, avvocati, blogger. La trovate su Netflix, pronta per il bingewatching.

Dal lettore Claudio Garioni

Creatore: Chris Chibnall
Disponibile su: Netflix
Data di uscita in Italia: 28 aprile 2014
Genere: thriller, giallo

In breve

Arena civica “Gianni Brera”, via libera ai lavori per spogliatoi e tribuna stampa

L’Arena civica "Gianni Brera", unico impianto di proprietà comunale gestito direttamente dall’Amministrazione, è pronta a un nuovo rinnovamento per...