mai generation
mai generation

Nella nostra rubrica #Sipario gli appuntamenti più interessanti nella settimana del teatro a Milano da Mai Generation alla Carrozzeria Orfeo.

Epoche a confronto
Mai Generation
La fortuna stagione Anteprime… e non solo! organizzata al Teatro Pime da PianoinBilico e GecobEventi si chiude con Mai Generation della Compagnia Oyes, vincitrice del Premio Hystrio Iceberg 2018 come migliore compagnia emergente italiana. Il regista Stefano Cordella offre un quadro di generazioni a confronto sottolineando diversi modi di vivere, percepire e guardare il mondo.

In una scuola occupata, dove l’immaginazione diventa potere, tra piccole e grandi rivoluzioni, il tempo scorre veloce: passato e presente si confondono tra continue sovrapposizioni e quello stesso spirito che aveva animato i movimenti studenteschi del Sessantotto irrompe nella contemporaneità, cercando nuove forme di espressione e nuove vie di fuga, facendo i conti con nuove e vecchie esigenze sociali, dando voce ai giovani di ieri e di oggi.

Due mondi per certi versi lontani ma che parlano la comune lingua della ribellione, una generazione che non vuole essere dimenticata e una che vuole affermare la propria esistenza.
Venerdì alle 21.00
Teatro Pime
Via Mosè Bianchi 94, Milano
Biglietti: da 18 euro su gecobeventi.it

Le maschere dei Gordi
Visite
Al Franco Parenti proseguono le repliche di Visite, spettacolo firmato da Teatro dei Gordi che, dopo Sulla morte senza esagerare, continua l’indagine su una forma teatrale che si affida al gesto, ai corpi con e senza maschere, a una parola-suono scarna e essenziale che supera le barriere linguistiche, che mira ad una sintesi per esaltare la potenza e l’espressività dei loro volti di cartapesta: in assenza di parole sono i dettagli a rivelare allo spettatore ciò che accade.

Tratto inconfondibile è appunto l’utilizzo delle maschere attraverso le quali la compagnia racconta una grande storia d’amore che, al di là del mito, si dirime in piccoli gesti quotidiani. Nella semplicità di esserci insieme. Ispirato al mito di Filemone e Bauci di Ovidio, lo spettacolo diretto da Riccardo Pippa si sviluppa all’interno di una camera da letto, luogo intimo, aperto e appartato che contiene il tempo che passa, le stagioni della vita, i gesti quotidiani che diventano rituali, le visite degli amici, dei ricordi, dei sogni e la visita come ultimo, possibile, atto di resistenza.
Fino al 27 giugno
Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo 14, Milano
Biglietti: da 23,50 euro su teatrofrancoparenti.it

Riflessioni sul corpo femminile
A parte me
Al Teatro Libero arriva Vanessa Korn, autrice e interprete di A parte me spettacolo che affronta con forza e delicatezza il tema del corpo della donna e le pratiche, anche quelle cruente, ad esso legate; un monologo che nasce dalla relazione tra una donna e il suo corpo. L’attrice offre una riflessione tragicomica sul nostro corpo e sulla vita che ci troviamo a vivere, la donna è così oggetto di desiderio, di mutilazioni, mortificazioni e vergogna in tutte le culture, con pratiche diverse ma ugualmente efferate. « Questo monologo è in realtà un dialogo – spiega Vanessa Korn – il dialogo di una donna con il tema delle mutilazioni genitali femminili. Riflessioni che sono come domande e risposte, come fare un viaggio per andare a capire le donne di tutto il mondo e ritrovarsi a fare un viaggio dentro di sé, in cui, al dialogo tra la quotidianità della donna in scena e la narrazione delle pratiche di mutilazione, si aggiunge una terza voce, intima e nascosta che sopravvive a tutte le culture e a tutti i tempi».
Da giovedì a domenica alle 21.00
Teatro Libero
Via Savona 10, Milano
Biglietti: da 18 euro su teatrolibero.it

La trilogia di Carrozzeria Orfeo
Cous Cous Klan
Il Teatro Elfo Puccini offre un’occasione imperdibile per approfondire la conoscenza della pluripremiata Carrozzeria Orfeo attraverso un viaggio a ritroso negli ultimi lavori della compagnia mantovana fondata nel 2007 da Massimiliano Setti e Gabriele Di Luca, insieme a Luisa Supino. La trilogia prevede uno spettacolo a settimana, partendo dall’ultimo in ordine cronologico, Cous Cous Klan che debuttò proprio in Corso Buenos Aires nel dicembre 2017.

In un mondo nel quale il divario tra ricchi e poveri è allarmante, i primi vivono all’interno delle cosi dette recinzioni, ovvero città recintate da filo spinato e sorvegliate da telecamere di sicurezza, i secondi tentano di sopravvivere lottando ogni giorno contro la mancanza di cibo e di acqua. Protagonista una micro comunità di senzatetto che vive in un parcheggio degradato. A sconvolgere il già precario equilibrio arriva Nina, una ragazza ribelle e indomabile che si rivelerà al tempo stesso il più grande dei loro problemi e la chiave per il loro riscatto sociale.
Da stasera a venerdì alle 21.00
Teatro Elfo Puccini
Corso Buenos Aires 33, Milano
Biglietti: da 21,50 euro sul elfo.org


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/