11.2 C
Milano
25. 04. 2024 13:37

La proposta di intitolare una via a Giulio Regeni. I genitori: «Non ci servono targhe, ma la verità per nostro figlio»

La proposta di intitolare una via al ricercatore assassinato in egitto nel 2016: i genitori, piuttosto che una targa, chiedono di arrivare in fretta alla verità sulla morte del proprio figlio

Più letti

Da alcuni giorni rimbalza sul web la proposta di intitolare a Giulio Regeni, il ricercatore assassinato in Egitto nel 2016, la via in cui è presente l’ambasciata egiziana a Roma. Un’iniziativa che però non sembra trovare il favore dei genitori del ricercatore.

I genitori di Giulio Regeni: «Non è il tempo della memoria»

«Così leggeranno il suo nome su tutti i documenti e non verrà dimenticato. Da via Timavo a via Giulio Regeni: Sarebbe bello, magari così si sveglia la dignità di qualcuno», hanno scritto in rete i promotori dell’iniziativa. Tuttavia i genitori di Giulio Regeni non sono interessati a vie o targhe per il proprio figlio, ma piuttosto a che continui la ricerca della verità sulla sua morte.

«Non vogliamo che i comuni deliberino affissioni di targhe (che per altro avrebbero da attendere i 10 anni di legge). Vogliamo semmai che espongano striscioni gialli con la scritta impegnativa “verità per Giulio”. Non è il tempo della memoria»,è stata la risposta di mamma Paola e papà Claudio.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Nonostante l’andamento del processo sull’omicidio (lo scorso 14 ottobre gli imputati egiziani sono stati rimandati per mancanza di prove) la famiglia è più che mai decisa a continuare la propria battaglia.

 

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...