6.4 C
Milano
22. 01. 2022 19:08

La proposta di intitolare una via a Giulio Regeni. I genitori: «Non ci servono targhe, ma la verità per nostro figlio»

La proposta di intitolare una via al ricercatore assassinato in egitto nel 2016: i genitori, piuttosto che una targa, chiedono di arrivare in fretta alla verità sulla morte del proprio figlio

Più letti

Da alcuni giorni rimbalza sul web la proposta di intitolare a Giulio Regeni, il ricercatore assassinato in Egitto nel 2016, la via in cui è presente l’ambasciata egiziana a Roma. Un’iniziativa che però non sembra trovare il favore dei genitori del ricercatore.

I genitori di Giulio Regeni: «Non è il tempo della memoria»

«Così leggeranno il suo nome su tutti i documenti e non verrà dimenticato. Da via Timavo a via Giulio Regeni: Sarebbe bello, magari così si sveglia la dignità di qualcuno», hanno scritto in rete i promotori dell’iniziativa. Tuttavia i genitori di Giulio Regeni non sono interessati a vie o targhe per il proprio figlio, ma piuttosto a che continui la ricerca della verità sulla sua morte.

«Non vogliamo che i comuni deliberino affissioni di targhe (che per altro avrebbero da attendere i 10 anni di legge). Vogliamo semmai che espongano striscioni gialli con la scritta impegnativa “verità per Giulio”. Non è il tempo della memoria»,è stata la risposta di mamma Paola e papà Claudio.

Nonostante l’andamento del processo sull’omicidio (lo scorso 14 ottobre gli imputati egiziani sono stati rimandati per mancanza di prove) la famiglia è più che mai decisa a continuare la propria battaglia.

 

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...