3.8 C
Milano
30. 11. 2020 06:25

Scioperi: possibili disagi mercoledì. I dettagli

Più letti

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime...

Giornata con possibili disagi, nel trasporto pubblico, il prossimo mercoledì 25 novembre per via di alcune organizzazioni sindacali autonome e di base che hanno proclamato “distinte azioni di sciopero, tutte della durata di quattro ore con uguali modalità. A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio è prevista dalle 18.00 alle 22.00.

Motivazioni. In ballo ci sono diverse vertenze: CONFIAL Trasporti – Trasporti STAS – USB Lavoro Privato – CAMBIA-MENTI M410 hanno congiuntamente indetto uno sciopero per la “gestione dei trasferimenti del personale, fruizione delle ferie ed assegnazione dello straordinario, sicurezza del personale, gestione del personale addetto al settore segnalamento metropolitana”. AL COBAS “contro la liberalizzazione – privatizzazione del TPL; contro le gare d’appalto e per la re-internalizzazione dei servizi di TPL ceduti in appalto; contro il progetto MILANO NEXT; per la re-internalizzazione delle lavorazioni; per la gratuità dei servizi di TPL; per l’avvio di una commissione d’inchiesta che, in base allo statuto comunale, faccia luce sui fatti già oggetto di indagini della Autorità giudiziaria; per il commissariamento delle commissioni che non hanno vigilato sulla regolarità degli appalti”.

Salute. Infine, si aggiunge uno sciopero nazionale USB Lavoro Privato per la “tutela della salute e sicurezza lavoratori e collettività, ritardi nella corresponsione delle somme dovute per la cassa integrazione, quadro normativo che definisce misure di prevenzione insufficienti”.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore»,...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le hanno già aperte. Ma è...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime festività. Una scelta voluta dall’Amministrazione,...

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore», è il grido d’allarme rilanciato...

Cenone a Natale e Capodanno? Il decreto serve l’escamotage

Nel decreto emanato lo scorso 24 ottobre era presente una piccola falla nelle restrizioni legate al mondo della ristorazione. Mentre a bar e ristoranti...

Potrebbe interessarti