24.1 C
Milano
29. 05. 2024 16:55

In Duomo lo show degli ambientalisti contro i “7 pagliacci”

Nel cuore di Milano contro il G7. Alle 15.00 corteo in corso Venezia, ecco cosa succederà

Più letti

Nuovo codice della strada e cambiamento climatico, tutto in un solo giorno, tutto a Milano. Gli attivisti di Extinction Rebellion hanno tenuto una performance in piazza Duomo a Milano per denunciare la presenza nel capoluogo lombardo dei “sette pagliacci”, in riferimento ai ministri dei Trasporti riuniti per il G7. Hanno esposto uno striscione con la scritta ‘G7: clima da circo’ per spiegare che il vertice «non cambierà niente».

Hanno chiesto la «dichiarazione dello stato di emergenza climatica» e rilanciato le loro proposte tra cui «l’azzeramento delle emissioni di gas serra e interruzione della distruzione degli ecosistemi e della perdita di biodiversità». Hanno quindi improvvisato una sorta di circo con sette attivisti vestiti da pagliacci e si è esibita una contrabbassista-cantante tra i passanti incuriositi. Intanto, nel pomeriggio alle 15 è previsto il corteo contro il nuovo codice della strada.

Nuovo codice della strada, il corteo al via alle 15. Ritrovo Porta Venezia

Oggi 13 aprile alle 15.00 Milano diventerà il palcoscenico della protesta contro il nuovo codice della strada denominata “C’è un’altra strada – stop al codice della strage“, che si terrà in contemporanea con il summit del G7 dei Trasporti. Gli attivisti si raduneranno a Porta Venezia, di fronte al Planetario, per esprimere il loro dissenso verso le recenti proposte legislative in materia di trasporto e sicurezza stradale.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

attivisti contro G7

Nuovo codice della strada, corteo per le 3.000 vittime annuali di incidenti

La manifestazione contro il nuovo codice della strada è stata organizzata da “Città delle persone”, un’iniziativa che vede la partecipazione di varie associazioni tra cui Cittadini per l’Aria Onlus, Sai che puoi? Fiab Milano Ciclobby Onlus, Genitori Antismog ETS, e la Clean Cities Campaign. La protesta prevede di bloccare il traffico lungo Corso Venezia, che sarà simbolicamente diviso in due: una parte sarà dedicata alla commemorazione delle oltre 3.000 vittime annuali degli incidenti stradali, mentre l’altra metà diventerà una zona di festa e libertà, dimostrando come le strade potrebbero essere riqualificate per dare priorità alle persone e non ai veicoli.

La strada come luogo di comunità e interazione

In questo contesto di riflessione e festa, i partecipanti sono invitati a portare con sé oggetti che rappresentano attività di vita quotidiana e di svago, come palloni, sedie, tappetini da yoga, yo-yo, tavoli da scacchi e racchette da tennis, per trasformare la strada in un luogo di comunità e interazione.

Nuovo codice della strada, l’imitatore del ministro Salvini

L’evento è stato lanciato con un video satirico che ha come protagonista un imitatore del ministro dei Trasporti Matteo Salvini, il quale, in netto contrasto con gli altri ministri del G7 che utilizzano mezzi sostenibili come biciclette e trasporto pubblico, arriva in ritardo all’incontro in auto, chiedendosi ironicamente se sia l’ultimo ad arrivare.

Una scelta studiata in concomitanza con il G7 dei Trasporti

La scelta della data non è casuale: organizzare la manifestazione in concomitanza con il G7 dei Trasporti serve a sottolineare la necessità di un cambiamento radicale nella gestione della mobilità urbana, proprio mentre i leader mondiali discutono di politiche di trasporto a Milano. Gli organizzatori sperano che l’evento possa sensibilizzare l’opinione pubblica e i decisori politici sulla necessità di una riforma che ponga al centro la sicurezza e il benessere dei cittadini.

 

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...