Sembra esserci un equilibrio perfetto di uomini e di donne tra le figure di comando dell’Università di Milano-Bicocca. E’ quanto emerge dal primo bilancio di genere che sarà presentato mercoledì alle 11.00 presso la Sala Rodolfi (Edificio U6, piazza dell’Ateneo Nuovo) e che ha voluto analizzare la situazione ripercorrendo i vent’anni di storia dell’università, la prima italiana a essere diretta da un rettore (Cristina Messa) e un direttore generale donna.

L’ateneo, infatti, consegue risultati migliori rispetto alla media nazionale: le donne rappresentano il 44 per cento del corpo docente, il 60% del personale tecnico-amministrativo e il 62% degli studenti. In più, sono sei le donne alla guida dei dipartimenti su un totale di quattordici. Per quanto riguarda gli studenti, a fronte di un aumento costante negli anni che ha portato a una sostanziale parità di genere presso tutti i corsi di laurea, i Dipartimenti con più alta presenza femminile sono: Scienze umane della formazione (88,1%), Psicologia (79,4%) e Sociologia (70,3%). L’iniziativa rappresenta la base per il piano di azioni positive dell’ateneo per il prossimo triennio. Info su unimib.it.