14.9 C
Milano
21. 04. 2024 20:18

La casa oltre i Bastioni: ecco come cambia il mercato immobiliare a Milano

La pandemia non ferma il mercato immobiliare: segnali in crescita nonostante l’emergenza sanitaria

Più letti

Nonostante la pandemia abbia in molti casi posto un freno alla crescita economica del Paese, il mercato immobiliare di Milano – se si escludono i primi due mesi di lockdown (marzo e aprile 2020) – non solo ha tenuto, ma si è persino rivelato più performante, facendo registrare una crescita dell’8,7% nel 2020 rispetto all’anno precedente.

Mercato immobiliare: cambiano le preferenze dei milanesi

Per i milanesi impegnati ad individuare la casa perfetta in cui vivere, il Covid-19 ha significato spostare le proprie preferenze verso immobili dalle metrature più ampie e che disponessero di uno spazio esterno privato, terrazzo o balcone.

Purtroppo, ai nuovi desiderata – che spesso comportano un esborso maggiore – non corrisponde un pari aumento del budget a disposizione degli acquirenti, infatti il prezzo massimo impostato nelle ricerche è cresciuto del 6% rispetto a gennaio 2020, ma non basta di certo a coprire il costo di una stanza in più.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Le zone più ricercate

Secondo le rilevazioni di Immobiliare.it, le ricerche dei milanesi si sono spostate oltre alla vecchia cerchia dei bastioni, spingendosi fino alle propaggini del centro cittadino. Il portale immobiliare leader in Italia, infatti, ha analizzato quali sono le zone di Milano più cercate dagli utenti nel 2021: in pole position – entrambe oltre il 5% – troviamo Porta Venezia-Indipendenza, seguita a breve distanza da Cenisio-Sarpi-Isola.

Nella top 5, poco al di sotto del 5%, anche Porta Romana-Cadore-Montenero e Fiera-Sempione-City Life-Portello. Resiste, in quinta posizione, il Centro Storico. Rivalutati poi quartieri decisamente più periferici come Viale Certosa-Cascina Merlata, ben oltre a quella immaginaria linea di demarcazione tra il centro e la prima periferia rappresentata dalla circolare 90/91, che ha conosciuto un aumento del prezzo al metro quadro pari al 13% anno su anno. Bene anche Porta Vittoria-Lodi, Cimiano-Crescenzago-Adriano e Pasteur-Rovereto, tutti cresciuti del 9%.

Cambiano anche le tipologie di casa

Diversa è anche la tipologia di immobile ricercato: rispetto al 2021 è cresciuta sensibilmente la domanda di case da ristrutturare (+19%) – probabilmente favorite dal prezzo di partenza più basso e “approcciabile” – o di nuova costruzione/in costruzione (+13%).

Un nuovo focus che emerge con forza dall’analisi, frutto dell’esperienza del lockdown, è la necessità di godere di uno spazio all’aperto privato, come un terrazzo o un balcone: la scelta di questo filtro di ricerca è aumentata dell’11% in un anno.

Se a inizio 2020, il milanese cercava un’abitazione con una superfice minima, in media, poco oltre i 70 metri quadri, a maggio 2021 la scelta si orienta verso soluzioni decisamente più spaziose: chi è interessato a comprare, infatti, imposta ora il filtro a partire da 84 metri quadri.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...