29.6 C
Milano
30. 06. 2022 13:28

Ex macello di viale Molise, l’annuncio: via ai lavori di riqualificazione. Anche il Macao trasloca

Il nuovo quartiere ruoterà attorno al nuovo campus Ied

Più letti

Nella zona dell’ex macello di viale Molise a Milano i lavori  di riqualificazione dell’aria partiranno già in questo mese di novembre, come sottolineato da Pierfrancesco Maran, assessore a Casa e Piano Quartieri del Comune di Milano. È stato lo stesso Maran a volerlo sottolineare, con un tweet diffuso in mattinata: «Come annunciato a luglio – si legge – questo novembre partiranno i primi cambiamenti all’ex macello, nel quartiere di Calvairate, Municipio 4». 

Ex Macello di viale Molise, il progetto di riqualificazione

Il progetto di riqualificazione dell’ex macello di viale Molise è già presente ed è molto competitivo. Da Palazzo Marino fanno sapere che la struttura, al momento, verrà affidata a degli operatori per un utilizzo temporaneo, in attesa della vera partenza dei lavori. Di certo per la struttura e la zona si tratterà di un cambio epocale: si tratta di un insieme di immobili, compresi all’incrocio tra viale Molise e via Lombroso, d’inizio Novecento che ad oggi risultano abbandonati.

Il bando globale denominato Reinventing cities 

È ormai noto il bando di progetti urbani innovativi denominato Reinventing cities. E anche la rimessa a nuovo dell’ex macello di viale Molise termina sotto questo grande filone e questo insieme di progetti, tutti intenti a rivedere spazi urbani dismessi e a creare nuove zone resilienti e a emissioni zero. E per la struttura in questione il bando, lanciato dai sindaci che aderiscono al C40 destinato a ridisegnare il volto delle città, è stato vinto dal progetto di Redo. Il cui obiettivo, sicuramente importante, è quello di costruire in questa zona della città il più grande progetto di social housing fatto in Italia: 800 appartamenti in affitto a meno di 500 euro al mese e altri 400 in vendita sotto i 2.500 euro al metro quadrato. A questi vanno poi anche aggiunti 600 posti letto del nuovo studentato e una quota di edilizia libera di circa 7mila metri quadrati.

Pronto a nascere il nuovo campus Ied 

Il nuovo quartiere, che si preannuncia coinvolgerà circa 15mila persone, ruoterà attorno all nuovo campus Ied. Quest’ultimo, nato dal progetto di Cino Zucchi, riunirà di fatto in un’unica location le oltre dieci sedi esistenti e ospiterà 4.500 studenti da oltre 100 paesi del mondo e sarà affiancato da un museo di divulgazione scientifica, del quale però ancora non si hanno specifiche e dettagli. Da sottolineare l’utilizzo in massa del fotovoltaico e della massima opera di riuso esistente: 30 mila metri quadrati di superficie già esistente vero riutilizzata, facendo risparmiare qualcosa come oltre duemila tonnellate di CO2 emessa.

Il centro Macao, intanto, se ne va

Inntanto, però, il centro sociale Macao di Milano annuncia la resa (forse solo temporanea, sui social scrivono che è «è un arrivederci», non un addio) di fronte a «una situazione complessa e delicata» vissuta giorno e notte. E lo fa con un lungo post su Facebook: “Sospendiamo la permanenza delle attività di Macao in viale Molise 68 – si legge – Negli ultimi sei mesi, Macao si è trovata a gestire giorno e notte una situazione complessa e delicata; a organizzare la resistenza, spesso fisica, tra discussioni, incendi, violenze e nuove difficoltà create dalla pandemia; a sostenere persone in difficoltà nella ricerca di una casa e condizioni di vita migliori; a difendere la comunità che attraversa lo spazio di viale Molise 68. Lo abbiamo fatto con il sostegno della città, degli spazi sociali e di varie associazioni che ci hanno aiutato, in dialogo con il quartiere con cui abbiamo condiviso rabbia e preoccupazione”.

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...