2.5 C
Milano
21. 01. 2021 03:06

La fiaba di Natale di Shannon: la clochard americana torna a casa grazie alla solidarietà dei milanesi

Una storia a lieto fine grazie al cuore grande dei milanesi: il racconto

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

Sembra una delle classiche storie di Natale che si vedono nei tanti film del periodo ed invece è tutto realtà. L’ambientazione di questa vicenda tutta milanese è una panchina di piazza Prealpi dove ormai da alcuni mesi viveva Shannon, una donna americana arrivata in Italia per motivi professionali e poi finita a vivere in strada.

Una storia di solidarietà. Ora su quella panchina è stato appeso un cartello rosso che racconta per filo e per segno la storia di Shannon. Anche il consigliere comunale Alessandro Giungi l’ho notato e gli ha dedicato un post su Facebook: «Sembra una fiaba natalizia, ma è assolutamente vera. Lo so bene perché ne ho seguito gli sviluppi e conosco le persone che si sono spese per aiutare Shannon. Vogliono restare anonime, il che fa loro onore – spiega – Il Comune e varie unità di strada che aiutano i clochard si erano interessati della sua situazione, scontrandosi però con una doppia difficoltà: la barriera linguistica, dato che la signora parlava solo inglese, e la sua diffidenza. È stata la gente del quartiere a conquistarne la fiducia e a indurla ad aprirsi».

clochard
clochard

Shannon era stata derubata di tutto una volta arrivata in Italia e per intoppi burocratici non era mai riuscita a rivolgersi al consolato americano. Così è scattata una gara di solidarietà: da chi le portava il cappuccino al mattino, a chi le coperte per riscaldarsi. Una donna del quartiere che conosce perfettamente l’inglese ha poi cercato di conquistare la sua fiducia per capire meglio i motivi che l’avevano portata a vivere su quella panchina.

«Adesso è in volo per Albuquerque. Il Consolato ha provveduto a farla tornare negli Usa, dove ha una casa e un lavoro -si legge nel cartello -. È sopravvissuta grazie all’affetto silenzioso del quartiere. Questo è davvero un miracolo di Natale».

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti