L’economia milanese si prepara letteralmente ad una “gelata”. Le prime conseguenze dell’emergenza Coronavirus sono ricadute sulle fiere milanesi.

 

Fiere milanesi: Mido, MyPlant & Garden e Connext

Il consiglio di amministrazione di Mido, la più importante manifestazione nel settore degli occhiali a livello mondiale in programma inizialmente dal 29 febbraio al 2 marzo a Fieramilano (Rho), ha deciso di posticipare l’edizione del 2020 tra fine maggio e la prima metà di giugno.

Il rinvio è una decisione presa nel rispetto «della gravità della situazione attuale e in risposta ai nostri espositori e visitatori», afferma Giovanni Vitaloni, Presidente di Mido.

«L’evoluzione della crisi sanitaria in atto nel nostro Paese – aggiunge – non ci ha lasciato alcun dubbio nella determinante scelta di posticipare l’edizione 2020 di Mido. Abbiamo prontamente definito e individuato un periodo dell’anno che andasse incontro alle esigenze del settore dell’eyewear italiano e internazionale».

Analogamente è stata rinviata a settembre la fiera Myplant & Garden, il più importante salone professionale del verde in Italia in programma a Milano dal 26 al 28 febbraio. Confindustria ha deciso di rinviare l’edizione 2020 di Connext prevista per il 27 e 28 febbraio. Anche in questo caso le nuove date della manifestazione saranno comunicate al più presto compatibilmente con le disponibilità del Mico.

Le richieste. Tra le imprese in prima linea ci sono gli esercizi commerciali. Altri settori, legati a turismo, ristorazione, accoglienza e trasporti sono in difficoltà e registrano perdite di fatturato già rilevanti. «Una situazione eccezionale che non può reggere se protratta nel tempo – afferma Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio.

Settori, legati a turismo, ristorazione, accoglienza e trasporti sono in difficoltà e registrano perdite di fatturato già rilevanti. Per fare un esempio negli alberghi milanesi in questi giorni si registra un calo dell’occupazione fra il 5 e il 10% con una diminuzione del fatturato stimabile nel 15% per il rallentamento della clientela fieristica. Percentuali destinate a salire sensibilmente».

Dalla presidente della Confesercenti, Patrizia De Luise, arriva la richiesta di un «tavolo di crisi al ministero dello Sviluppo economico per coordinare gli interventi e cercare di ridurre l’impatto su lavoratori ed imprese». La Confapi ha intanto inviato una lettera ai sindacati per chiedere un incontro per «varare insieme misure di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro».

Prossimi mesi. Cresce, intanto, l’apprensione per le prossime fiere milanesi, come il Salone del Mobile di aprile, con tutto il palinsesto di eventi della Design Week in città. Al momento, ufficialmente, nessuno prende in considerazione l’ipotesi di uno slittamento, ma le indiscrezioni già parlano di un possibile rinvio a settembre.

Preoccupazione anche in vista di Expo 2020 Dubai, la prima Esposizione Universale della storia a svolgersi nel mondo arabo e sulla quale sono in corso da tempo collegamenti e investimenti da parte delle imprese milanesi.

Oggi, a otto mesi dall’inaugurazione dei padiglioni, bisogna fare i conti con l’effetto Coronavirus. Al Politecnico di Milano avevano calcolato in due miliardi di euro le ricadute per l’economia italiana dalla partecipazione al mega evento.

Fiere: quali sono saltate e quali sono a rischio?

RIMANDATE O ANNULLATE

MIDO (29 febbraio-1-2 marzo a Fieramilano Rho)

MYPLANT & GARDEN (26-27-28 febbraio a Fieramilano Rho)
FILO (27-28 febbraio al Mico)

CONNEXT (27-28 febbraio al Mico)

FA’ LA COSA GIUSTA! (6-7-8 marzo a Fieramilanocity)

 

PROSSIMAMENTE, AL MOMENTO CONFERMATE

MILANO VET EXPO (7-8 marzo al Mico)

fiere milanesi
fiere milanesi