7.6 C
Milano
25. 04. 2024 03:31

Israele, Liliana Segre: «Non penso di dovermi discolpare in quanto ebrea per Gaza»

La senatrice a vita Liliana Segre, al Memoriale della Shoah di Milano

Più letti

La senatrice a vita Liliana Segre, al Memoriale della Shoah di Milano, durante un incontro dedicato alla memoria della deportazione dalla stazione di Milano organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con la Comunità Ebraica e il Memoriale della Shoah, ha parlato anche della guerra.

Israele, le parole di Liliana Segre

«Lo scorso 27 gennaio sono successe cose che mi hanno lasciato sgomenta. Io non penso di dover rispondere, di dovermi discolpare, in quanto ebrea, di quello che fa lo Stato di Israele. Trovo sbagliato mescolare cose completamente diverse, come hanno fatto tanti che hanno pensato di mettere in discussione il Giorno della Memoria per quello che sta succedendo a Gaza».

Israele e la Shoah

«Evidentemente hanno un bisogno spasmodico di fare pari e patta con la Shoah, di togliere agli ebrei il ruolo di vittime per antonomasia, di liberarsi da un inconscio complesso di colpa. Il 27 gennaio non è fatto per gli ebrei, gli ebrei hanno 365 giorni della memoria all’anno, non gli serve il 27 gennaio, ma per ricordare agli europei un crimine europeo, e agli italiani un crimine anche italiano».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Israele e il Giorno della Memoria

Liliana Segre ha segnalato anche «un fallimento educativo in questi più di 20 anni dall’approvazione della legge: sembra che qualcuno abbia scambiato il Giorno della Memoria per una specie di regalo fatto agli ebrei da revocare se gli ebrei si comportano male. Ma allora siamo davanti a una catastrofe culturale».

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...