2.2 C
Milano
25. 01. 2021 05:21

Lungo il Lambro l’accampamento dei senzatetto: costretti a vivere allo stato brado cacciando nutrie

Scene di vita degradanti lungo il fiume Lambro: il racconto

Più letti

La mail della Regione all’Iss: «Rivedete l’indice RT»

Non si placano le polemiche sulla responsabilità dei numeri che hanno mandato in zona rossa la Lombardia dal 17...

Troppa gente in centro, a Milano chiusa la Galleria Vittorio Emanuele II

La prima domenica in zona arancione, con negozi nuovamente aperti e i saldi avviati, ha invogliato tanti milanesi a...

Bollettino regionale, il trend resta invariato: Milano, +163 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.375, di cui 74 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Lungo il Lambro Meridionale, in zona Rozzano, alle spalle del cimitero di Ponte Sesto, sorge sulle rive del fiume un accampamento di senzatetto di origini cinesi. Come raccontato da il Giorno, qui vivono quattro o cinque homeless in condizioni degradanti: nascosti dalla vegetazioni i ragazzi vivono in un capanno di fortuna.

Il racconto. La cosa più raccapricciante è vedere questi giovani costretti a vivere allo stato brado. Per procacciarsi da mangiare i senzatetto cacciano le nutrie della zona: sono stati trovati numerosi esemplari appesi ad essicare. Altra fonte di nutrimento è invece rappresentata dalle carpe pescate proprio nel Lambro.

«Le pescano sul fiume poco più a monte, sotto il ponte della tangenziale. Lì c’è acqua calda per gli scarichi di alcune aziende e vanno con i retini: ne prendono a decine. Le nutrie invece le prendono a bastonate con delle mazze e poi le fanno bollire – spiega una delle sentinelle del Parco Sud – abbiamo trovato bidoni dove le cucinano con vari avanzi».

Nonostante le segnalazioni fatte all’Ats e alla Polizia Locale l’accampamento resterà in piedi.

In breve

Sala sull’Rt sbagliato: «Piuttosto che buttarsi in rissa, la Regione faccia vedere i dati»

È arrivato anche il commento del sindaco Sala sullo scontro Regione-Governo che ormai sta infiammando le pagine dei giornali...

Potrebbe interessarti