21.1 C
Milano
26. 09. 2022 15:41

L’Attila diffuso: quanti appuntamenti per la “prima”

Più letti

Il sovrintendente della Scala, Alexander Pereira, l’ha definita la «serata d’opera più importante del mondo»: l’Attila, con Riccardo Chailly sul podio e la regia di Davide Livermore, sarà la prima di Sant’Ambrogio della stagione del Teatro alla Scala. Ma il conto alla rovescia è già scandito da appuntamenti, anticipazioni e indiscrezioni, immancabili come sempre in questi giorni di vigilia.

LE DRITTE • Al Piermarini tornerà anche tanta politica: sono attesi il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (debutto alla prima da Capo dello Stato), e almeno tre ministri (Alberto Bonisoli, Marco Bussetti e Giovanni Tria). Il Comune rinuncerà ai biglietti della prima, che così il teatro può mettere normalmente in vendita (prezzo massimo 3.000 euro l’uno). Intanto, chi non sarà in teatro potrà seguirla in diretta su Rai1, al cinema in Italia e all’estero, e in una trentina di punti della città. Una prima diffusa, insomma, per «coinvolgere il grande pubblico» come ha spiegato l’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini.

DIFFUSA • Fino a domenica, intanto, con Edison viene portata in città tutta l’energia dell’opera. Un incontro tra il maestro Chailly e l’assessore alla Cultura, Filippo Del Corno, al Barrio’s (piazza Donne Partigiane), consentirà di approfondire ulteriormente la conoscenza dell’opera attraverso un dialogo informale. Si rinnova anche l’appuntamento con Prima della Prima della Scala, con Stefano Jacini, che per due serate, domani e giovedì, racconterà l’opera agli spettatori dello Spazio Teatro No’hma (via Orcagna 2).

Fanno parte del programma della Prima Diffusa 2018 anche la serie di Incontri Barbari, che, partendo dallo sfondo storico dell’opera verdiana, vogliono essere un’occasione per leggere la storia contemporanea: domani toccherà a Daniele Giglioli, allo Spazio Teatro 89 (via Fratelli Zoia 89), giovedì ad Antonio Sgobba con Gaia Berruto allo Spazio Tadini (via Jommelli 24).

DOPO • Sarà ispirato ad Attila anche il menu della tradizionale cena di gala per cinquecento ospiti, che si svolgerà dopo la prima del 7 dicembre alla società del Giardino. Quest’anno il banchetto, curato dal Caffè Scala, è affidato allo chef Daniel Canzian, del ristorante Daniel di Milano.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...