8.9 C
Milano
18. 04. 2021 06:50

Milano e altre 11 città unite nel nome della cultura: «Riapriamo musei, cinema e teatri sempre»

Gli assessori alla cultura dei principali capoluoghi italiani scrivono al nuovo governo Draghi per creare un tavolo di confronto

Più letti

Milano ed altri 11 capoluoghi regionali si uniscono sotto la bandiera della cultura. Questa mattina i diversi assessori locali hanno scritto al nuovo governo Draghi le proprie proposte a sostegno degli “ecosistemi culturali urbani”. Oltre al capoluogo meneghino tra i firmatari anche Roma, Torino, Cagliari, Bari, Venezia, Firenze, Ancona, Bologna, Napoli, Genova e Palermo.

Richieste. «Musei, teatri, luoghi di spettacolo, sedi espositive, luoghi d’arte e cultura – scrivono in una nota da Palazzo Marino -: le città intendono mettere a disposizione del Governo la propria conoscenza capillare del mondo culturale e delle sue problematiche, ponendo le basi e stabilendo insieme i protocolli per una ripresa il più possibile certa, rapida e omogenea in tutto il territorio nazionale».

cultura a milano
Del Corno tra i firmatari

Tra le richieste fatte dai diversi assessori alla Cultura c’è quella di un protocollo unico nazionale. «Questo – si legge nelle proposte firmate dai 12 assessori comunali – eviterebbe la reversibilità delle aperture, a meno di situazioni particolarmente gravi, garantirebbe la continuità del presidio culturale sul territorio, assicurerebbe lavoro e fiducia, darebbe sostanza al diritto inalienabile alla cultura e fornirebbe ai cittadini alternative controllate e sicure, invece di obbligarli a una socialità compressa in pochi, e poco controllati, luoghi pubblici o privati».

Una delle richiesta più pressanti è poi quella delle riaperture il fine settimana. «La garanzia dell’apertura degli istituti museali e dei luoghi di cultura anche nei weekend, nel rispetto di ogni norma prevista ad oggi per il contenimento del rischio sanitario e in attesa dell’auspicato protocollo unico. Si tratta – hanno ribadito i comuni – di un intervento necessario per la sostenibilità del lavoro culturale, per garantire la continuità nella conservazione del patrimonio, per consentire l’accesso ai luoghi di cultura a tutti i lavoratori del Paese, e quindi il pieno rispetto del diritto alla cultura».

 

In breve

Milano, presidio no vax senza mascherina in Duomo: sessanta multe

Circa trecento persone, per la maggior parte senza mascherina, si sono radunate nel pomeriggio di sabato in piazza Duomo...